Blocchi traffico, «Negativi per economia e inefficaci contro l'inquinamento»

Confesercenti e Confcommercio Emilia Romagna hanno espresso i loro dubbi sulla questione dei blocchi del traffico: «Le perplessità nascono dal fatto che tali provvedimenti sono inefficaci nel contrasto all'inquinamento atmosferico nelle nostre città e al contempo rischiano di pesare negativamente sull'economia delle attività commerciali»

Immagine di repertorio

«L’entrata in vigore da giovedì 1 ottobre delle limitazioni al traffico veicolare rappresentano un elemento di forte preoccupazione per le imprese del terziario, preoccupazione espressa a più riprese alla Regione, in diversi incontri in cui le nostre organizzazioni avevano chiesto l’introduzione di diversi correttivi alle misure proposte, in parte accolti»: è il commento di Confesercenti e Confcommercio dell’Emilia Romagna all’atto adottato dalla Giunta regionale in materia di qualità dell’aria, che prevede una serie di misure di limitazione del traffico dal 1 ottobre  2015 al 31 marzo 2016.

«Le perplessità - continua la nota diffusa dalle due associazioni - nascono dal fatto che tali provvedimenti sono inefficaci nel contrasto all’inquinamento atmosferico nelle nostre città e al contempo rischiano di pesare negativamente sull’economia delle attività commerciali presenti, in particolar modo, nei centri storici».

«Prendiamo atto – dichiarano le due associazioni – che, a seguito degli incontri svolti con l’Assessore Paola Gazzolo e con i Dirigenti dell’Assessorato competente, sono state apportate alcune modifiche migliorative, quali: l’eliminazione delle domeniche ecologiche dall’1 dicembre 2015 al 6 gennaio 2016; il rinvio di  un anno dell’applicazione delle misure nei Comuni al di sotto dei 50.000 abitanti; una maggiore flessibilità nella definizione delle aree interessate dai provvedimenti; il rinvio di un anno del blocco dei veicoli diesel commerciali leggeri euro 3». Le Organizzazioni valutano invece negativamente il mantenimento del blocco degli altri autoveicoli diesel euro 3 «Che, assieme alle limitazioni dei mezzi a benzina, porterà al blocco di quasi 1 milione di veicoli nella regione, pari al 23% delle auto circolanti».

Confcommercio e Confesercenti dell’Emilia Romagna ribadiscono anche la loro contrarietà a diverse altre misure contenute nel Piano Aria Integrato Regionale (PAIR) sul quale continuerà un confronto serrato con la Regione, in vista della sua discussione in Assemblea.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento