Blocco del traffico in città, ma tanti automobilisti girano lo stesso

Solo una decina le sanzioni registrate durante la giornata di domenica 5 febbraio: il blocco del traffico non è stato rispettato da molti e i controlli sono risultati poco efficaci

foto di repertorio

A quanto pare, stando alle numerose segnalazioni dei lettori e ai commenti sui social, i piacentini non hanno rispettato granché l’ordinanza di blocco totale del traffico prevista per domenica 5 febbraio. Tante erano le auto in circolazione nel perimetro cittadino, in barba ai divieti comunicati più volte dai media locali. Difficile arginare  una giornata del genere con due sole pattuglie della Polizia Municipale: sono infatti state registrate solamente una decina le sanzioni elevate agli indisciplinati. Sembrava quasi una normale domenica piacentina invernale: le auto hanno circolato senza problemi per le vie cittadine. «Ne ho lette molte – è intervenuto l’assessore Stefano Cugini su Facebook - sul poco rispetto del blocco del traffico di ieri a Piacenza. Come se il motivo non fosse la nostra salute, ma la gara a chi è più furbo. Siamo fatti così, abbiamo bisogno del sorvegliante fisso: che stani e punisca il mio vicino, o di cui possa dimostrarmi più scaltro, facendogliela sotto il naso. Bambini pronti a rubare la caramella alla prima distrazione del genitore. Tasse, posti per i disabili, code alla posta o dal salumiere, concorsi, esami, lavoro, ingresso allo stadio. É cultura, gente. Italico DNA. Piove, governo ladro». «La sperimentazione di ieri – ha spiegato in consiglio comunale il sindaco Paolo Dosi - deve tenere conto senz’altro delle condizioni del tempo, e delle condizioni in cui si sta muovendo la nostra Polizia Municipale, penalizzata dai numeri dell’organico. Molte auto potevano circolare, i divieti dati non si verificavano dagli anni ’70: sicuramente ci sono state delle violazioni, su cui si è cercato di intervenire con le forze che avevamo a disposizione». 

Polledri (Lega Nord): “Polveri sottili, blocco auto compito da 4”

“Vietare la circolazione - fa sapere il consigliere comunale della Lega Nord Massimo Polledri - a tutti i veicoli a motore per cercare di far scendere la concentrazione di polveri sottili nell’aria in un giorno nel quale è prevista pioggia, non è stata di certo una decisione saggia.In alcuni casi, è consigliabile studiare esempi che funzionano: in Svizzera, solo qualche giorno fa, per contrastare l’elevata concentrazione di polveri sottili si è deciso, attraverso un provvedimento, di inserire una limitazione alla velocità generalizzata sulle autostrade a 80Km/h, ad eccezione dei veicoli prioritari in servizio d’urgenza. La gran parte dell’inquinamento atmosferico proviene proprio dall’autostrada. Noi invece, siamo nelle mani di un’amministrazione che non sa guardare neanche le previsioni del tempo: blocco auto compito da 4”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento