Martedì, 21 Settembre 2021
Cronaca

Boss del narcotraffico internazionale arrestato a Piacenza

Divisione anticrimine e squadra mobile della questura hanno bloccato a bordo di una Porsche Cayenne in via Farnesiana un albanese di 51 anni, naturalizzato spagnolo: su di lui pendeva un mandato di cattura internazionale per associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti

Gli agenti che hanno effettuato l'arresto del trafficante. Al centro, il dirigente della Squadra mobile di Piacenza

Un boss del narcotraffico internazionale è stato arrestato a Piacenza dalla polizia: su di lui pendeva un mandato di arresto europeo, richiesto dalla giustizia spagnola, per associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti.
L'uomo, un albanese di 51 anni naturalizzato in Spagna, è stato bloccato da una pattuglia in borghese della questura l'altra sera in via Farnesiana. Gli agenti erano in pattuglia per un servizio straordinario contro il crimine diffuso in città: ad un certo punto hanno notato una Porsche Cayenne sospetta sullo stradone Farnese e si sono messi all'inseguimento. La supercar, confermano fonti vicine alla Procura, è stata fermata in via Farnesiana sotto gli occhi di tanti passanti e avventori che si trovavano in attesa davanti a un locale pubblico. In auto con lui anche altri due giovani. Gli agenti dell'anticrimine e della squadra mobile, con il supporto dei colleghi delle Volanti, hanno identificato tutti: fornendo però il nominativo del 51enne alla sala operativa della questura e controllando nella banca dati, si è scoperto che era ricercato in Spagna per traffico internazionale di droga, dopo essere stato indagato perché sospettato di essere un esponente di spicco di un'organizzazione criminale con base in Andalusia: la polizia spagnola, in particolare la Guardia Civil, aveva quindi diramato a suo carico un mandato di cattura in tutta Europa.
La questura ha così informato la Procura di Piacenza e l'albanese è stato portato in questura per ulteriori accertamenti sulla sua identità grazie alla collaborazione con il Servizio di cooperazione internazionale di Polizia. Al termine delle verifiche è stato portato in carcere alle Novate in attesa dell'interrogatorio nei prossimi giorni e, successivamente, dell'estradizione in Spagna. I due giovani che erano con lui sono invece risultati del tutto estranei e sono stati subito rilasciati.

Il sindaco e Presidente della Provincia, Patrizia Barbieri, ha voluto esprimere, «anche a nome delle amministrazioni e dell’intera comunità, le più sentite congratulazioni al questore Filippo Guglielmino e agli agenti della divisione anticrimine e squadra mobile della Questura di Piacenza, grazie alla cui brillante operazione è stato possibile assicurare alla giustizia" un uomo ricercato per traffico di droga, sul quale pendeva un mandato di arresto europeo per associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti».

«E’ un’altra straordinaria dimostrazione – aggiunge Patrizia Barbieri – delle grandi qualità umane e capacità professionali delle donne e degli uomini delle Forze dell’Ordine che quotidianamente affrontano il pericolo con coraggio e determinazione per garantire la nostra sicurezza, e di cui noi tutti dobbiamo essere riconoscenti».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Boss del narcotraffico internazionale arrestato a Piacenza

IlPiacenza è in caricamento