Cronaca Centro Storico / Via Gregorio X

Braciere in camera per scaldarsi, tre intossicati da monossido: in ospedale anche una donna incinta

Tre intossicati da monossido di carbonio, tra i quali una donna incinta di otto mesi. E accaduto nella serata del 24 novembre in un'abitazione in via Gregorio X a pochi metri dal tribunale. A causare l'intossicazione un braciere posto al centro di una camera. Sul posto i vigili del fuoco, le volanti della polizia e il 118

Tre intossicati da monossido di carbonio, tra i quali una donna incinta di otto mesi. E accaduto nella serata del 24 novembre in un'abitazione in via Gregorio X a pochi metri dal tribunale. A causare l'intossicazione un braciere posto al centro della stanza dove si trovava una coppia di senegalesi: forse, visto il freddo, volevano scaldarsi con le braci ma hanno rischiato di morire. La combustione ha sprigionato il gas che è inodore e insapore, e ha saturato a lungo andare l'ambiente: le finestre dell'appartamento posto al piano terra, erano ovviamente chiuse. Fortunatamente i due coniugi non stavano ancora dormendo e quando si sono sentiti male sono riusciti a chiedere aiuto appena in tempo. I vigili del fuoco sul posto in pochissimi minuti, hanno evacuato la casa rilevando un'elevatissima percentuale di gas, hanno messo in sicurezza le stanze e spento il braciere. Intossicato, ma più lievemente anche un terzo connazionale che si trovava in un'altra stanza. I volontari della Pubblica Assistenza e della Croce Rossa hanno portato in ospedale i tre stranieri. La coppia, che è in condizioni più critiche, è stata traportata a Fidenza dove sarà sottoposta alla camera iperbarica. Il terzo invece, rimasto intossicato in maniera più lieve, è rimasto a Piacenza per le terapie del caso. Sul posto anche i poliziotti delle volanti e l'Asl. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Braciere in camera per scaldarsi, tre intossicati da monossido: in ospedale anche una donna incinta

IlPiacenza è in caricamento