menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"C'era una volta l'osteria": presentato il nuovo numero de "L'Urtiga"

E' stato presentato a “la Carrozza” il numero 10 de "L’Urtiga", la rivista che aiuta a leggere Piacenza: tra i temi trattati quello delle osterie, della storia e della cultura del territorio piacentino

"C'era una volta l'osteria": sotto questo titolo la redazione ha presentato all'"Osteria La carrozza" il quaderno di cultura piacentina "L'Urtiga", in una scenografia consona a questo numero 10-2015, che al vino e alle osterie riserva quasi un quarto delle 204 pagine e anche la vignetta di Vignola.

Hanno inventato la "piazza virtuale" con i social network, ma l'osteria 2.0 ce l'hanno risparmiata: non sono ancora riusciti a metterla in rete. A questo punto devono farsene una ragione e anche noi dobbiamo farcene una: il mondo delle osterie è proprio finito. Qualche surrogato sopravvive ancora nei paesi, qualcosa anche in città come alla "Carrozza" dove, ha fatto notare Giuseppe Romagnoli in un articolato intervento, sono conservati e utilizzati buona parte degli arredi spartani e dove è possibile ripetere alcuni riti tradizionali come l'indagine sul grado alcolico del "rosso" attraverso il numero degli archetti che si formano scuotendo lo scodellino di bianca maiolica in cui il vino è stato versato. Un vivace monologo di Pino Spiaggi ha concluso la briosa presentazione.

Oltre al tema delle Osterie la rivista (direttore Ippolito Negri, comitato redazionale: Luigi Paraboschi, Andrea Bergonzi, Maurizio Cordani, Filippo Lombardi, Luigi Montanari, pagine  20; costo euro 11, mail redazione redazione.urtiga@gmail.com, editore LIR) tratta argomenti di largo interesse e sviluppa approfondimenti su temi legati all'attualità, all'ambiente, alla storia, al costume, alla cultura del territorio piacentino.

Il sommario

7 Ai lettori

13 E così Piacenza finì in Emilia-Romagna di Cesare Zilocchi

17 L’interesse del Ministero dei Beni Culturali per un palazzo, un museo e una farmacia di Piacenza

di Anna Còccioli Mastroviti e Antonio Corvi

23 Palazzo Cavazzi della Somaglia di Valeria Poli

29 Due rare incisioni di Claude Henri Watelet tratte da Giovanni Paolo Panini, di Marco Horak

33 Un gigante dimenticato dalla sua terra di Corrado Sforza Fogliani

35 San Bernardino da Siena a Piacenza, di Mimma Berzolla

40 Correva l’anno… 1939

41 Piero Gazzola, l’architetto e il premio di Marta Piana

45 Camposanto vecchio, una controriforma mancata di Camilla Quagliaroli

47 Ancora di macchine ferragostane. Un’appendice di Gigi Rizzi

53 L’antico oratorio di Groppazzolo tra faide, storia e devozione lungo la Via degli Abati, di Claudio Gallini

59 I duchi di Grazzano Visconti, di Mariano Andreoni

63 Giuseppe Boriani, generale piacentino dell’ultima retroguardia, di Ippolito Negri

73 Lettere dal fronte alla sorella. Il saluto di Vincenzo Castelli, caduto nel 1915, di Laura Valla

79 Alla vigilia della Grande Guerra. Quei litigiosi preti della val Nure, di Ippolito Negri

83 L’ultimo assalto in tunica bianca. Il piacentino Bianchini alla conquista di Tarragona, di Giovanni Pagani

87 Francesco Saverio Brunani e Riccardo Botti, due eroici garibaldini, di Augusto Bottioni

91 Mariano Imparati, il presidente C.R.I. di fine Ottocento, di Filippo Lombardi

97 Alimentarsi nell’Italia antica: riflessi enogastronomici nell’Appennino Piacentino, di Tiziana Albasi

106 La vignetta, di Adriano Vignola

107 Osterie palcoscenico della vita quotidiana delle classi popolari, di Giuseppe Romagnoli

123 Otium et negotium. Osterie di campagna a Carpaneto, di Luigi Montanari

135 La Dugana, 145 anni di storia. Con ostinazione osti di montagna, di Maurizio Cordani

139 Una ciuca salà, di Luigi Paraboschi

145 Terra di vini a D.O.C. e tutelati, ma attenti, quel Gutturnio è un falso, di Bruno Missieri

149 Breve storia del pomodoro piacentino, dai nostri campi alle tavole di tutto il mondo, di Michela Vignola

155 Mulino Mazza, vita di inizio Novecento in val Perino, di Stefano Ghigna

162 Farini, come lo sognavano negli anni Cinquanta

163 Un nuovo santuario sul monte Pelizzone. Il progetto del 1959, di Andrea Bergonzi

167 Frammenti di memoria. A proposito di Pigazzano, di Carmen Artocchini

169 Quelle figure popolari che animavano la piazza e la leggenda, di Giacomo Scaramuzza

173 Il linguaggio delle immagini nelle chiese. Le guide del Corpus Domini e di San Donnino, di F. Fiorentini

176 COGNOMI PIACENTINI - Molino, Molini, Molinelli, di Luigi Paraboschi

177 Un nonu fiümarö tant ann fa, di Alfredo Lamberti

179 Quando al cinema si andava in cravatta, di Enzo Latronico

183 Cenni del monte Ragola. Sulla benedizione del Semplice di Franco Toscani

187 La Catö di Maria Rina Cavaciuti

191 Cun des franc cuss at vuriva, un foular ad seda? Scorcio di vita piacentina nel dopoguerra, di G. Rossi

195 I colonnotti di Piazza Cavalli, di Giovanni Pacella

197 Memorabilia- A volte ritornano "Ai compagni bulgari – i comunisti piacentini", di Filippo Lombardi

"L'Urtiga" rivista numero 10-2

"L'Urtiga" rivista numero 10-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento