menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cadavere nel sacco in Trebbia, quattro persone arrestate nella notte a Gossolengo

Blitz dei carabinieri del Nucleo investigativo e della stazione di Rivergaro. Quattro cittadini indiani in manette, sottoposti a fermo di Polizia giudiziaria: sono sospettati di essere coinvolti nel delitto. Identificata la vittima: un indiano che lavorava in un'azienda agricola della zona

Svolta nelle indagini sul caso del cadavere trovato sul greto del Trebbia e legato mani e piedi dentro un sacco. Nella notte del 4 settembre i carabinieri del Nucleo investigativo di Piacenza e i colleghi della stazione di Rivergaro hanno arrestato quattro persone. Si tratta di quattro indiani che sono stati prelevati dai militari nel cuore della notte delle loro abitazioni vicino a Gossolengo. Sono stati sottoposti a un fermo di Polizia giudiziaria, fortemente sospettati di essere coinvolti nella morte dell’uomo che, nel frattempo, è stato identificato: anche lui un indiano che lavorava in una cascina della zona, pare come addetto alle stalle. Tra i moventi ipotizzati potrebbe esserci quello economico di debiti che la vittima aveva con qualcuno. Le indagini sono coordinate dal sostituto procuratore di Piacenza Emilio Pisante.
Al momento non si conosce ancora il ruolo che i quattro arrestati avrebbero avuto nella vicenda: se abbiano partecipato solo a far sparire il cadavere oppure se siano responsabili direttamente anche della morte dell’uomo. In mattinata sono stati tutti portati al carcere delle Novate.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento