Cadeo, aperte le selezioni bando 2016 per il Servizio Civile

Per il secondo anno consecutivo si riapre il bando servizio civile nel Comune di Cadeo.  Servizio Civile, un' attività scelta e volontaria  dedicata  ai giovani di ambo i sessi tra i 18 e i 28 anni di età, che si dimostra un’occasione unica non per il suo essere altamente remunerativa ma per il bagaglio esperienziale che dona:  attivazione delle proprie capacità decisionali, competenze spendibili per poter lavorare in team, e la scoperta di attitudini personali.

Il Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale ha pubblicato i bandi ordinari e per la regione Emilia Romagna ed è possibile consultare gli indirizzi internet di ciascun Ente ed inoltrare la domanda entro data di scadenza del bando (ore 14,00 del 30 giugno 2016). Le domande dovranno pervenire attraverso una delle modalità attivate: con Posta Elettronica Certificata (PEC), a mezzo “raccomandata A/R” oppure consegnate a mano 

"Ancora una volta dei giovani avranno l'opportunità di mettersi al servizio del territorio -ha sottolineato il sindaco di Cadeo, Marco Bricconi- è una buona  opportunità per i giovani di conoscere Cadeo e dintorni da una nuova prospettiva e maturare nuove competenze spendibili poi nel futuro". Tre i posti disponibili per il servizio civile a Cadeo: 30 ore settimanali per 12 mesi  con un assegno mensile di 433,80 euro.

"Tutti insieme si può", per consolidare la rete di supporto ai cittadini della terza età. Ancora una volta i beneficiari  del progetto saranno gli anziani, Giovani volontari accanto agli anziani per salvaguardare le loro autonomie all’interno del proprio contesto familiare evitando il ricorso all’istituzionalizzazione. "Desideriamo così aumentare l’offerta dei servizi di sostegno alla domiciliarità tramite supporto e  aiuto agli operatori qualificati dei servizi domiciliari nello svolgimento di attività che consentono o favoriscono il mantenimento dell’anziano al suo domicilio -ha chiarito il vicesindaco Marica Toma- ma desideriamo anche ottimizzare i tempi grazie alla presenza dei volontari, puntando così a un incremento della frequenza dell'assistenza". "Abbiamo anche obiettivi rispetto ai giovani volontari -ha aggiunto il sindaco Bricconi- vorremmo educarli alla cittadinanza attiva e alla solidarietà facendo accrescere in loro  una conoscenza del territorio e dei suoi apparati, e far mettere loro nei panni di chi eroga servizi e non solo ne fruisce".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento