rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Cronaca Cadeo

Cadeo, festa della Liberazione: «Oggi la “guerra” la si vive sui social»

Il sindaco Bricconi: «Continuiamo a perseverare nell'impegno di tenere vivo il ricordo del giorno della Liberazione perché questo anniversario non sia una ricorrenza tra le tante, ma una vera giornata della memoria condivisa»

Comune, Associazione Combattenti Reduci, Anpi, Gruppi Alpini e associazionismo locale uniti per festeggiare il 72esimo anniversario della Liberazione. E' avvenuto a Cadeo, con un'intera mattinata, quella di oggi, dedicata alle celebrazioni commemorative che hanno toccato ben sette siti commemorativi, tra monumenti e cippi alla memoria dei caduti.

OGGI LA "GUERRA" LA SI VIVE SUI SOCIAL - "Quando si ripensa alla guerra, affiorano alla mente frangenti di odio, rancore, astio; sentimenti negativi certo, ma dettati dall'incertezza e dalla paura della guerra. - ha dichiarato il sindaco Marco Bricconi, durante la commemorazione -. Ma oggi, che non siamo in guerra e neppure oppressi, dove nasce l'odio che pervade il mondo dei social, virtuale certo, ma che fa tanti danni a quello reale?". Parole che puntano l'attenzione sul tremendo fenomeno dell'hate speech che pervade il mondo di facebook e affini e genera una "guerra" fatta di insulti e commenti denigratori. "Centinaia di pagine inneggiano al nazismo, denunciate anche dall'ANPI, tante altre all'omofobia, al negazionismo, e oggi il nuovo fenomeno dei gruppi chiusi che prendono di mira ignare donne a cui vengono sottratte foto dai profili personali e ricoperte di insulti. Ora una commissione di esperti ha elaborato una carta dei diritti e doveri di internet, ma in tanti casi basterebbe ben poco per fermare questo fenomeno: il rispetto per l'altro e la cultura della verifica dei fatti", ha sottolineato il primo cittadino di Cadeo.

LA LIBERAZIONE E I GIOVANI - "72 anni possono rendere sbiaditi i ricordi, far scivolare tutto nell'oblio, ma noi continuiamo a perseverare nell'impegno di tenere vivo il ricordo del giorno della Liberazione - ha aggiunto Bricconi - perché questo anniversario non sia una ricorrenza tra le tante, una semplice tradizione, ma una vera giornata della memoria condivisa, in cui doverosamente ci impegniamo per tramandarla alle giovani generazioni". Giovani che saranno protagonisti dei festeggiamenti commemorativi di giovedì 27 aprile: alle ore 14 prenderà il via la "biciclettata" con i ragazzi delle terze medie, per vivere un pomeriggio di memoria tra canti e brani della Resistenza, facendo tappa a ben tre monumenti ai caduti. Sabato 29 aprile un ulteriore approfondimento dedicato ai ragazzi della scuola media con un incontro- testimonianza presso l'Istituto Comprensivo.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cadeo, festa della Liberazione: «Oggi la “guerra” la si vive sui social»

IlPiacenza è in caricamento