Calci e grida contro la caserma dei Pontieri, giovane finisce all'ospedale

Intervento delle volanti e del 118 alla caserma Lusignani a Sant'Antonio. Danneggiato il portone d'ingresso. Il ragazzo, un 23enne, è stato sottoposto a un trattamento sanitario obbligatorio

L'intervento delle volanti e del 118

Due volanti della polizia sono intervenute nel tardo pomeriggio del 25 maggio per bloccare un ragazzo che ha tentato di entrare all’interno della caserma Lusignani, sede del secondo Reggimento Pontieri a Sant’Anotnio, prendendo a calci il portone pedonale all’ingresso sulla via Emilia Pavese. A chiamare il 113, poco dopo le 19, sono stati i militari di guardia all’ingresso della caserma, segnalando il ragazzo che, gridando e vaneggiano frasi senza senso, stava prendendo violentemente a calci il protone in lamiera, tanto da danneggiarne i cardini.
Gli agenti delle volanti, intervenuti in pochi istanti, lo hanno subito bloccato e caricato sulla volante. Si tratta di un 23enne già noto alla polizia, ma le cui condizioni psico fisiche hanno convinto la polizia a chiedere anche l’intervento del 118 per calmarlo. Sul posto l’automedica e l’ambulanza della Croce rossa che lo ha trasportato in ospedale. Qui il ragazzo è stato visitato e sottoposto a un trattamento sanitario obbligatorio. La sua posizione sarà poi successivamente vagliata dalla questura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento