rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Cronaca

L'anolino diventa testimonial della campagna contro i venditori abusivi

“Ama la tua città”, al via la nuova campagna di sensibilizzazione contro l'abusivismo commerciale e nell'erogazione di servizi. L'assessore Luca Zandonella e il comandante Mirko Mussi: «Comprate prodotti originali e affidatevi ai professionisti»

E' dedicata al contrasto dell'abusivismo commerciale, nonché dell'offerta irregolare di servizi da parte di chi non ha i necessari requisiti o autorizzazioni, la nuova campagna di sensibilizzazione “Ama la tua città”, promossa dall'Amministrazione comunale. «Il messaggio di fondo – sottolinea l'assessore alla Sicurezza Luca Zandonella – riguarda ciascuno di noi: acquistare prodotti contraffatti o rivolgersi ai titolari di attività non certificate, prive di regolare licenza, significa nostro malgrado avallare un sistema di illeciti che va a scapito sia dell'utente e consumatore, sia di esercenti e professionisti che osservano con onestà e rigore tutte le normative. Per questo, l'invito rivolto a tutti i cittadini è quello di verificare sempre con attenzione la provenienza e la tracciabilità dei prodotti, diffidando di chi propone prezzi eccessivamente bassi, non rilascia scontrini e ricevute o non è in grado di esibire la documentazione a garanzia della propria merce o della procampagna contro abusivismo comune piacenza 2021 soresi zandonella mussi-2pria competenza». Sui manifesti che saranno esposti in varie zone del territorio urbano e pubblicati sulle pagine web del sito www.comune.piacenza.it, campeggiano due diversi messaggi: “Non ti fidare se non ci mette la faccia” accompagna l'immagine di un tecnico a volto coperto e l'esortazione “Rivolgiti sempre a professionisti del settore”, mentre un iconico anolino – ma di colore blu – è il simbolo che invita a scegliere sempre prodotti originali, perché “Un falso lo riconosci subito”.

«In questi anni – rimarca Zandonella, affiancato, nella presentazione della nuova campagna, dal comandante dellaSchermata 2021-10-21 alle 16.26.20-2 Polizia Locale Mirko Mussi – il presidio del territorio da parte degli agenti ha consentito controlli costanti e capillari contro gli esercizi commerciali non autorizzati, le vendite abusive (di cui è esempio lampante il mercato dei fiori, in occasione di particolari ricorrenze) o di merce contraffatta. Un impegno condiviso, tra gli obiettivi prioritari, anche con il comandante Mussi, nel segno di una presenza sempre più tangibile della Polizia Locale come punto di riferimento per i cittadini e per tutte le categorie, commerciali e professionali, che difendono il rispetto delle regole ma giustamente chiedono, a loro volta, di essere tutelati». «Dal lockdowm mi sono arrivate segnalazioni da parte di alcuni commercianti specialmente nel settore benessere, come parrucchieri ed estetisti, di molti soggetti che abusivamente andavano a domicilio o ricevevano in casa clienti, penalizzando gli esercizi regolari. Si stima - ha detto il consigliere Fd'I Sara Soresi, riduzione dei guadagni del 30% specialmente nel lockdown quando tutti erano chiusi e la gente se ne approffitava. Tuttavia ad oggi il settore ne risente ancora perché molte persone si sono abituate a rivolgersi ai cosidetti abusivi». Soresi ha quindi partecipato attivamente alla costruzione della campagna comunale.

«Il fenomeno dei venditori abusivi sia di prodotti deperibili sia di merce contraffatta era molto diffuso nella nostra città ma negli ultimi anni l'impegno profuso anche se non l'ha debellato, l'ha notevolmente ridotto. Nel corso del 2020 sono stati 15 gli interventi, 12 nel 2021 e proseguiranno incessanti - spiega il commissario Giuseppe Addabbo -. Spesso il venditore abusiva scappa lasciando la merce (verdura, oggetti griffati, fiori etc), altre riusciamo a bloccarlo  e a sanzionarlo, tuttavia i cittadini devono sapere che se comprano da questi venditori commettono un reato e contestualmente foraggiano un mercato illegale». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'anolino diventa testimonial della campagna contro i venditori abusivi

IlPiacenza è in caricamento