Canile, Attiviamoci per Piacenza: il no del Comune per due volontarie di Arca di Noè

Comune-Canile, è ancora 'guerra'. A due volontarie dell'Arca di Noè Silvia Felice e Daniela Gatti è stato negato il tesserino per entrare al canile nell'ambito delle attività del bando 'Attiviamoci per Piacenza'

Comune-Arca di Noè. "E' ancora guerra, aperta. Scontro che si può chiamare 'dei tesserini' perchè a quanto pare il Comune non intenderebbe dare due volontarie dell'Arca di Noè l'accesso al canile di via Bubba. Le due, come decine di altri piacentini, hanno risposto al bando per la cittadinanza attiva con cui si cercavano persone pronte a mettere a disposizione tempo e passione per la comunità".

"Tutte le richieste pervenute relativamente all'attività nel canile municipale, circa una cinquantina, sono state accettate: presto le persone saranno riunite e dotate del materiale con cui portare avanti l'attività alla Madonnina, a cominciare dal tesserino di riconoscimento. Tutte tranne due, a quanto pare. A Silvia Felice e Daniela Gatti, infatti, è già stato comunicato dall'assessore Katia Tarasconi che la loro domanda è stata respinta". Così si legge su Libertà di oggi, 8 aprile.

L'INCONTRO - "Ultimo strascico di una durissima polemica che ha opposto la loro associazione, Arca di Noè, all'amministrazione comunale proprio in merito alla gestione del canile. Le tre si sono incontrate martedì scorso, ma il colloquio non è stato assolutamente chiarificatore".

"MESSAGGIO NEGATIVO" - E il pezzo continua così: "Abbiamo ripetuto - dicono - all'infinito che il nostro intento era semplicemente portare alla luce gli aspetti che andavano e vanno migliorati, da sempre ci impegniamo gratuitamente per aiutare i cani e a promuoverne il benessere. Ma per questo siamo stati ritenuti elementi di disturbo". Il no al tesserino, però, alzerà ulteriormente il livello di scontro? "Prima vogliamo vedere gli atti e come sarà giustificato questo provvedimento contro due sole persone - risponde la Felice - ma a mio parere si tratta di un abuso di potere: per escluderci devono esserci delle violazioni di legge o delle irregolarità, noi siamo accusate di aver denunciato situazioni da correggere. E purtroppo questo comportamento potrebbe rappresentare anche un messaggio negativo nei confronti degli altri volontari, che non saranno certo invogliati a dire serenamente se qualcosa non va"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

PRONTI AL TRIBUNALE - E conclude: "Nel momento in cui ci arriveranno le comunicazioni formali valuteremo le motivazioni, ma se tutto sarà come sembra impugneremo il provvedimento in tribunale: siamo pronte allo scontro giudiziario e mediatico, noi non dobbiamo farci perdonare niente, tutto è stato fatto nell'interesse degli animali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Incidente a San Rocco, chiuso temporaneamente il ponte di Po

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento