Caso Levante, prima udienza davanti al giudice. Comune di Piacenza e Arma non si costituiranno parte civile

Presenti in aula il carabiniere Daniele Spagnolo e il maresciallo Marco Orlando, assenti Montella e Cappellano. In aula anche il procuratore Grazia Pradella insieme ai pm Colonna e Centini

L'arrivo degli avvocati (foto Gis)

E' iniziata la mattina del 14 dicembre in tribunale a Piacenza la prima udienza davanti al giudice per l'udienza preliminare Fiammetta Modica per il caso Levante, la clamorosa inchiesta della Guardia di finanza e della Polizia locale che in luglio ha portato, tra gli altri, all'arresto dei carabinieri della caserma di via Caccialupo. Oggi si deciderà sulla costituzione delle parti civili e sui riti alternativi che chiederanno i difensori degli imputati.
Presenti in aula il carabiniere Daniele Spagnolo e il maresciallo Marco Orlando, entrambi agli arresti domiciliari. Degli altri militari imputati ancora in carcere era presente soltanto Giacomo Falanga, giunto dal carcere di Verbania con la scorta della polizia penitenziaria. Assenti Giuseppe Montella e Salvatore Cappellano, rappresentati in aula dai rispettivi avvocati difensori.
L'udienza è iniziata alle 10 con la costituzione delle parti civili, in tutto undici, tra cui due sindacati dei carabinieri (Nsc e Silca) e il Partito per la tutela dei diritti dei militari, oltre a diverse persone che sono state sentite durante le indagini in fase di incidente probatorio e che affermano di essere state picchiate o torturate dentro la caserma Levante. Presente ovviamente anche Lyamani Hamza, il testimone che con le sue rivelazioni al maggiore dei carabinieri Rocco Papaleo ha permesso l'avvio di tutta l'inchiesta.

In aula, insieme ai pubblici ministeri Matteo Centini e Antonio Colonna, che hanno diretto l'inchiesta, anche il capo della procura Grazia Pradella a sottolineare l'importanza di tutta la vicenda e l'attenzione della procura piacentina su questo caso giudiziario.
Il giudice si è poi ritirato per decidere sulle costituzioni di parte civile, tra cui si sono fatte notare le assenze dell'Arma dei carabinieri, del Comune di Piacenza e del ministero della Difesa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento