«Carabinieri di m...» e giù botte ai militari, fidanzati arrestati e rimessi in libertà

Si aggiravano tra le abitazioni a Borghetto con fare sospetto, alla vista dei carabinieri hanno tentato di fuggire, poi la violenta aggressione nei confronti dei militari. In auto cocaina, eroina e un coltello serramanico

Immagine di repertorio

Prima si aggiravano tra le abitazioni a Borghetto con fare sospetto, poi alla vista dei carabinieri hanno tentato di fuggire, invano. Il motivo lo hanno scoperto poco dopo i militari, tra l’altro presi a calci,  pugni e insultati pesantemente. In auto nascondevano undici grammi di droga e un coltello. Due fidanzati sono stati arrestati nella serata del 6 maggio e sono stati processati per direttissima nella mattinata del giorno dopo. Sono comparsi davanti al giudice Sonia Caravelli e al pm Antonio Rubino difesi dall'avvocato Giovanna Fanelli. Il pm aveva chiesto l'obbligo di firma, il giudice invece ha deciso per la remissione in libertà nell'attesa dell'udienza successiva. Il processo è stato rinviato per la richiesta dei termini a difesa del legale della coppia. I due, un 34enne di Castellarquato e una 33enne di Cadeo, entrambi con precedenti penali erano a bordo di una Fiat Punto e si aggiravano nella frazione di Borghetto, alcuni residenti hanno segnalato l'auto al 112 che ha inviato sul posto i carabinieri della stazione di Piacenza Levante e quelli del Radiomobile. Alla vista dei militari l'uomo ha cercato di scappare, la compagna cercava di aiutarlo nella fuga e insieme hanno aggredito i carabinieri sferrando calci, pugni, riuscendo a colpirne uno al volto con un cellulare. Ne è nata una colluttazione durante la quale i due, estramente violenti, hanno insultato i carabinieri con le seguenti frasi: «Carabinieri di merda, maledetti», «Vi faccio un video e lo mando a Striscia La Notizia», «Vi denuncio». In auto avevano  due grammi di cocaina, nove di eroina ed un coltello a serramanico. Non senza fatica sono stati caricati in auto e portati al comando provinciale di via Beverora dove sono stati infine arrestati per resistenza, violenza e minaccia a pubblico ufficiale, tentata interruzione di servizio pubblico, oltraggio a pubblico ufficiale, rifiuto di fornire indicazioni sulla propria identità, procurato allarme, porto abusivo di armi o oggetti atti ad offendere e di detenzione di sostanza stupefacenti per uso personale. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Ha una relazione con l'allieva, lei lo perseguita e lui la denuncia per stalking

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento