Castello, cardiologo stroncato da un arresto cardiaco nel suo studio medico in ospedale

Sebastiano Costantino, 51 anni, è stato trovato dagli infermieri privo di vita. Stava effettuando le prove da sforzo sui pazienti in Cardiologia: il malore tra una visita e l'altra. Il Primario Daniela Aschieri: «Un professionista valido, una persona affidabile e un punto di riferimento»

L'ingresso del pronto soccorso dell'ospedale di Castelsangiovanni

Ha creato profondo cordoglio la scomparsa improvvisa di un medico cardiologo piacentino, Sebastiano Costantino, che è stato stroncato da un arresto cardiaco proprio nel suo reparto dell’ospedale di Castelsangiovanni, dove prestava servizio da tanti anni.
«Sicuramente un professionista valido, affidabile e, per me, anche un punto di riferimento» ricorda la collega Daniela Aschieri, primario dell’unità di Cardiologia di Castello, dove Costantino era il suo “vice”: «purtroppo la sfortuna ha voluto che si sia sentito male mentre era nel suo studio da solo. Se avesse accusato il malore in reparto in mezzo ai colleghi probabilmente si sarebbe salvato».
Sebastiano Costantino Cardiologo-2Il dottor Costantino, 51 anni, la mattina del 14 ottobre si trovava negli ambulatori di cardiologia per effettuare gli esami da prova da sforzo sui pazienti in lista. Tra un esame e l’altro però è salito al piano superiore nel suo studio, come probabilmente era solito fare. E’ qui, seduto sulla poltrona, che è stato colpito da un arresto cardiaco improvviso. A trovarlo dopo circa mezz’ora, ormai privo di vita, è stato il personale infermieristico del reparto, allarmato per non averlo più visto scendere per proseguire con i pazienti in attesa.
«Il dottor Costantino non era cardiopatico, oppure non sapeva di esserlo - conclude la dottoressa Aschieri - e probabilmente questo arresto cardiaco sarebbe stato il sintomo di esordio della patologia».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento