menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
repertorio

repertorio

Cerca i soldi e picchia la madre per mesi: la Municipale arresta un 32enne

Ha tollerato le angherie del figlio a lungo, sopportando insulti, schiaffi, pugni e calci, fino alle minacce di morte, senza mai denunciarlo, poi, all'ennesima aggressione ha detto basta e lo ha denunciato. La vicenda

Ha tollerato le angherie del figlio a lungo, sopportando insulti, schiaffi, pugni e calci, fino alle minacce di morte, senza mai denunciarlo, nonostante i ripetuti accessi al Pronto Soccorso per le lesioni riportate in seguito alle percosse subite. Alla fine, esasperata, la donna, una piacentina di 56 anni, madre di altri figli che sempre più spesso dovevano intervenire in sua difesa contro il fratello, ha denunciato tra le lacrime l’uomo, 32enne, per le violenze patite.

A contattare la Polizia Municipale, al termine dell’ennesimo diverbio degenerato in un’aggressione, è stata proprio la donna che vive con il giovane in un appartamento alla periferia della città. A scatenare la furia del figlio sarebbe stato il rifiuto della madre, a fronte dell’ennesima richiesta di soldi. La risposta dell’uomo non si è fatta attendere: prima l’ha colpita con alcuni pugni, poi l’ha fatta cadere a terra con un violento calcio al fianco. Alcuni vicini di casa, allarmati dalle urla, sono riusciti a chiamare gli altri figli della donna, che hanno tentato di bloccare il fratello. Il 32enne, però, dopo essersi divincolato ha afferrato un coltello che aveva precedentemente nascosto in un’intercapedine un po’ di tempo prima, quando i familiari, preoccupati per il suo comportamento, avevano fatto sparire tutti gli oggetti contundenti e potenzialmente offensivi. Nel frattempo, sono  accorse sul posto le pattuglie della sezione Giudiziaria e di Pronto Intervento della Polizia Municipale, che hanno immobilizzato e arrestato il giovane per il reato di  maltrattamenti in famiglia.

Dai racconti della donna agli agenti intervenuti, è emerso che l’episodio in questione sarebbe stato solo l’ultimo di una lunga serie di liti, spesso scaturite per futili motivi e mai denunciate. Il trentaduenne, con precedenti per uso di stupefacenti, è attualmente agli arresti domiciliari presso la casa del padre, in attesa del processo la cui udienza si terrà nei prossimi giorni. Per la mamma, invece, si sono rese necessarie le cure ospedaliere per le contusioni riportate a seguito delle percosse. 

  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento