«Ci regali una rosa per la festa della mamma?» e poi gli strappano il cellulare: arrestati

In manette due pregiudicati di 21 e 24 anni: li hanno arrestati i poliziotti delle volanti. Hanno derubato un 59enne del cellulare dopo averlo ingannato con la scusa di una rosa da regalare alla mamma

«Ci regali una rosa per la festa della mamma così gliela portiamo?», con questa scusa due giovani (un honduregno di 21 anni e un magrebino cittadino italiano di 24, entrambi pregiudicati) sono entrati in un giardino condominiale e hanno strappato a un 59enne il cellulare: l'uomo aveva creduto alla buona fede dei due giovani che invece fin dall'inizio, sotto l'effetto di droga e alcol, volevano derubarlo. I malviventi sono stati bloccati dalle volanti della polizia e arrestati per furto con strappo e violazione di domicilio. E' accaduto in via Damiani nel pomeriggio del 10 maggio.  I giovani hanno visto la vittima nel cortile condominiale dove c'è anche un piccolo roseto, si sono avvicinati alla recinzione e gli hanno chiesto una rosa per la festa della mamma, l'uomo ha acconsentito e ha detto loro che uno dei due poteva entrare per sceglierla ed è a quel punto che ha capito le reali intenzioni dei due. Mentre uno entrava, l'altro velocemente ha scavalcato il cancello e gli ha detto: «Ma credi che mia mamma sia una puttana?», il 59enne avendo compreso che fossero sotto l'effetto di droga e forse anche alcol ha cercato di indietreggiare per guadagnare la porta del condominio e mettersi in salvo ma i giovani glielo hanno impedito. Avevano notato che il piacentino teneva in mano il proprio cellulare e gli hanno detto: «Non stai chiamando la polizia, vero?», poi glielo hanno strappato di mano e sono scappati. Una volta solo ha raggiunto in casa la moglie e insieme hanno chiamato il 113 e mentre era al telefono con la centrale operativa ha sentito e poi visto i due malviventi che prendevano a calci il portone della sua casa: erano tornati. Gli agenti della volanti li hanno bloccati pochi istanti dopo mentre cercavano di dileguarsi, una volta sulla volante hanno tirato calci e pugni al divisorio di plexiglass della pantera. Una volta portati in questura sono stati poi arrestati e il cellulare restituito. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Come non sporcare la mascherina con il trucco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento