Ciclista travolto e ucciso, chiesti due anni per l’automobilista

L’incidente a San Nicolò nel 2016. Per l’accusa, la vettura avrebbe dovuto prevedere l’evento. La difesa: la bicicletta svoltò all’improvviso a sinistra, nessun eccesso di velocità, fu un fatto imprevedibile

La scena del tragico incidente

Due anni di reclusione. E’ la richiesta di pena avanzata, il 21 gennaio, dal pm Monica Bubba al giudice Gianandrea Bussi per Fabio Rolleri, 31 anni, accusato di omicidio stradale per aver provocato la morte di un indiano di 36 anni. L’incidente avvenne il 22 giugno 2016 a San Nicolò. Il difensore di Rolleri, l’avvocato Mauro Pontini, ha chiesto l’assoluzione, perché l’uomo avrebbe rispettato il Codice della strada, non riuscendo a evitare l’impatto perché a scartare all’improvviso fu l’indiano in bicicletta. La sentenza è attesa in marzo. I familiari dell’indiano si sono costituiti parte civile con un avvocato di Lodi.

Lo scontro era avvenuto lungo la via Emilia, all’altezza della Lpr, poco dopo San Nicolò. Il 29enne piacentino venne arrestato e fu il primo caso in cui nella nostra provincia venne contestato l’omicidio stradale (il nuovo articolo era entrato in vigore a marzo). L’indiano era un operaio che lavorava un’azienda della zona. Secondo la procura, Rolleri, a bordo di una Land Rover, pur rispettando i limiti di velocità, non avrebbe tenuto una condotta che gli avrebbe permesso di evitare in tempo la bicicletta. Nonostante i tentativi di rianimazione del personale del 118, durati mezz’ora, l’indiano perse la vita.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’avvocato Pontini ha sottolineato che il comportamento del suo assistito è stato corretto: viaggiava, alla velocità consentita, vicino al margine destro della corsia, sia per evitare un eventuale scontro frontale, sia per consentire la svolta a sinistra. L’auto avrebbe superato un primo ciclista, ma all’improvviso si sarebbe trovata di fronte un’altra bici che si era immessa in strada, attraversando la corsia, dirigendosi a sinistra verso una strada che, tra l’altro aveva il divieto di accesso. Il fuoristrada rimase sulla propria corsia, come hanno testimoniato i rilievi. La velocità era consona, come afferma il codice, per fronteggiare circostanze prevedibili. Ma quello fu un evento imprevedibile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento