Cinquanta giorni di prognosi a un poliziotto, condannato a un anno e otto mesi

E' stato condannato a un anno e otto mesi (pena sospesa) il marocchino 35enne che pestò un poliziotto delle volanti a fine luglio in via Marinai d'Italia. In aula si sarebbe scusato e avrebbe detto di essere dispiaciuto per quanto accaduto

Immagine di repertorio

E' stato condannato a un anno e otto mesi (pena sospesa) il marocchino 35enne che pestò un poliziotto delle volanti a fine luglio in via Marinai d'Italia. E' comparso nella mattinata del 9 ottobre in tribunale difeso dall'avvocato Alessandro Righi, davanti al giudice Gianandrea Bussi e il pm Monica Bubba. Era accusato di resistenza, lesioni e oltraggio a pubblico ufficiale, il pm aveva chiesto due anni e 4 mesi, ma il giudice ha deciso per un anno e otto mesi (pena sospesa). In aula si sarebbe scusato e avrebbe detto di essere dispiaciuto per quanto accaduto. 

L’incredibile scena di violenza era avvenuta alla fine di luglio in via Marinai d’Italia al Peep. Una donna aveva chiamato il 113 avvertendo che un'altra donna veniva pestata in mezzo alla strada: un uomo l’aveva afferrata per i capelli, trascinata a terra e presa a calci. I poliziotti delle volanti avevano raggiunto il palazzo indicato e si erano presentati alla porta dell'uomo che aveva aperto visibilmente ubriaco. Il marocchino aveva insultato pesantemente gli agenti, nel frattempo la sua compagna aveva negato di essere lei la donna picchiata in strada.

Forte di questa dichiarazione, l’uomo aveva ripreso a minacciare e insultare i poliziotti, e quando stavano per andarsene li ha aggrediti con calci e pugni. Ne era nata una violenta colluttazione: i poliziotti erano stati costretti a usare lo spray al peperoncino per fermare la furia dello straniero. Alla fine lo avevano ammanettato e portato in ospedale ma nemmeno lì si era calmato. Un agente aveva infine riportato la lussazione din una spalla e la frattura di un polso per un totale di cinquanta giorni di prognosi, anche il marocchino era rimasto ferito (25 giorni di prognosi).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento