rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca

Processo poliziotti, l'ispettore Anastasio condannato a 20 anni

L'ispettore Claudio Anastasio, ex sezione narcotici della Squadra mobile di Piacenza, è stato condannato a 20 anni di reclusione. Si è concluso con una condanna sicuramente severa il lungo dibattimento che vedeva il poliziotto piacentino sul banco degli imputati per reati di droga, favoreggiamento della prostituzione, falso ideologico e altri

L’ispettore Claudio Anastasio, ex sezione narcotici della Squadra mobile di Piacenza, è stato condannato a 20 anni di reclusione e 120mila euro di multa. Oltre all'interdizione perpetua dai pubblici uffici. Si è concluso con una condanna sicuramente severa il lungo dibattimento che vedeva il poliziotto piacentino sul banco degli imputati per reati di droga, favoreggiamento della prostituzione, falso ideologico e altri che, nell’aprile del 2013, gli costarono l’arresto al termine dell’indagine condotta dai carabinieri del Nucleo investigativo di Piacenza. Indagine che portò all’arresto anche di altri cinque agenti della questura di viale Malta, e la cui posizione si è definita alcuni giorni fa al termine del rito abbreviato scelto dalle rispettive difese.

VIDEO - LA LETTURA DELLA SENTENZA
Schermata 2014-03-27 alle 15.34.42-2

Il Pubblico ministero Michela Versini, che aveva coordinato le indagini insieme al collega Antonio Colonna, nella sua requisitoria aveva chiesto una condanna di 16 anni e mezzo di reclusione, accusando Anastasio di essere stato complice del collega Paolo Bozzini (già condannato a 9 anni di reclusione) e di aver tradito la fiducia della magistratura, della polizia e dello Stato. 
L’avvocato Pietro Porciani, difensore di fiducia di Anastasio, aveva invece chiesto al collegio presieduto dal giudice Italo Ghitti (Elena Stoppini e Maurizio Boselli a latere) di assolvere l’imputato perché non aveva commesso il reato, ma semplicemente aveva sbagliato fidandosi eccessivamente del collega Paolo Bozzini: «Anastasio è una persona onesta che ha servito fedelmente lo Stato» aveva concluso Prociani nella sua arringa difensiva.

Nello stesso processo erano imputati anche Cortes Eridania e Boris Angelovski, che sono stati condannati rispettivamente a 7 e 3 anni di reclusione.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Processo poliziotti, l'ispettore Anastasio condannato a 20 anni

IlPiacenza è in caricamento