Lunedì, 27 Settembre 2021
Cronaca Fiorenzuola d'Arda / Viale Luigi Illica

Cocaina insieme alla tazzina di caffè. Arrestato barista di Fiorenzuola

In manette un 22enne incensurato, titolare di un bar nella zona del centro commerciale I Cappuccini. Trovato con una ventina di dosi di polvere bianca e il materiale per il confezionamento

Prosegue la lotta alla droga in Valdarda, e in particolare a Fiorenzuola dove i carabinieri del Nucleo investigativo hanno arrestato un 24enne per detenzione ai fini di spaccio di cocaina. Si tratta del titolare di un bar nella zona del centro commerciale I Cappuccini: «Consegnava le dosi insieme alla tazzina di caffè» spiega il capitano Rocco Papaleo nell'illustrare i dettagli dell'operazione che, curiosamente, ha assunto il nome di "Operazione Menestrelli". «Infatti - spiega sorridendo l'ufficiale - mentre eravamo appostati fuori dal bar per osservare l'attività di spaccio, la nostra attenzione è stata attirata da un gruppo di giovani che, in un giardino poco distante, con la chitarra stavano canticchiando delle canzoncine sulla presenza della droga in Valdarda, sbeffeggiando l'attività dei carabinieri». Invece c'è poco da sbeffeggiare, visti i risultati. I carabinieri questa volta hanno sequestrato oltre venti dosi di cocaina che il giovane barista aveva in tasca. In più, sostanza da taglio e bilancini di precisione. Insomma, quanto basta per finire dentro. Il suo arresto è stato convalidato nel processo per direttissima, e il giudice lo ha messo ai domiciliari.

I carabinieri in borghese erano appostati già da un giorno all'esterno del bar. Sospettavano che il 24enne spacciasse coca e hanno fermato un paio di clienti (due fiorenzuolani di 22 anni, uno studente e un operaio) che avevano appena acquistato un grammo di coca a testa. «Dosi vendute a settanta euro l'una per l'alto grado di principio attivo presente» dicono i carabinieri. A questo punto è scattata la perquisizione nel  bar, e in tasca al titolare sono state trovate un'altra ventina di dosi più tutto l'occorrente per il confezionamento. «La posizione del bar, in una via di forte passaggio, favoriva sicuramente l'attività di spaccio che vedeva come clienti quasi esclusivamente giovani della Valdarda, da Lugagnano ad Alseno».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cocaina insieme alla tazzina di caffè. Arrestato barista di Fiorenzuola

IlPiacenza è in caricamento