menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Claudio Maschi

Claudio Maschi

Coldiretti, amministrazioni e agricoltori insieme per la pulizia del greto del Nure

L'accordo tra l'Unione Valnure e Valchero e gli agricoltori per la rimozione del legname fluitato dal greto del Nure è la prima esperienza formalizzata di collaborazione tra il mondo agricolo e le istituzioni piacentine in materia di gestione dei corsi d'acqua

Un accordo tra l'Unione Valnure e Valchero e agricoltori per la rimozione del legname fluitato dal greto del Nure. Succede a Podenzano e si concretizza come la prima esperienza formalizzata di collaborazione tra il mondo agricolo e le istituzioni piacentine in materia di gestione dei corsi d'acqua.

Nella serata di giovedì 29 ottobre, su proposta dell'Unione dei comuni (che comprende oltre a Podenzano, Vigolzone, San Giorgio, Gropparello e Carpaneto) e grazie alla collaborazione del Servizio associato di protezione civile e del sindaco di Podenzano Alessandro Piva, una decina di agricoltori di Coldiretti hanno stipulato l'accordo che prevede il loro impegno nella pulizia della sponda sinistra del torrente. Sarà l'Unione a provvedere alla comunicazione agli organi competenti, delle località in cui avverranno i prelievi.

«Gli agricoltori della zona - spiega Angelo Peggiani, presidente di sezione - già abituati a svolgere la manutenzione dei canali, in un'ottica di collaborazione costruttiva e a vantaggio dell'intera collettività, si sono da subito resi disponibili per provvedere alla sistemazione del greto mettendo a disposizione di coloro che necessiteranno il legname raccolto. Si tratta di un grande segnale di apertura che mostra la fiducia delle istituzioni e soprattutto il riconoscimento del ruolo degli agricoltori nella tutela dell’ambiente». 

«E' un risultato - aggiunge Alessandro Piva - del quale siamo molto orgogliosi: l'esperienza ci ha dimostrato che occorre investire in queste sinergie funzionali al buon governo del territorio e senza le forze messe in campo dagli agricoltori non si potrebbe fare nulla di tutto ciò». 

«L'agricoltore è chiamato al rispetto dell'ambiente - commenta Claudio Maschi, responsabile della commissione Ambiente e territorio di Coldiretti Piacenza - e per questo, in diversi ambiti, si rende protagonista della sua tutela. Basti pensare ai numerosi esempi di cura, dalla pulizia degli argini al presidio in montagna dove il valore sociale della categoria è ancora di più essenziale importanza. L'auspicio è che questa prima esperienza possa replicarsi in tutta la provincia e contribuire concretamente nella prevenzione del rischio idrogeologico».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Nuovo Decreto, oggi verrà definito il colore dell'Emilia-Romagna

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    Covid-19: nel Piacentino 77 nuovi casi e sette decessi

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento