menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il colonnello Corrado Scattaretico

Il colonnello Corrado Scattaretico

Colpi in villa per più di un milione di euro, sgominata una pericolosa banda criminale

I carabinieri hanno sgominato una potente e pericolosa banda criminale che ha commesso decine di furti per più di un milione di euro di bottino a Podenzano, a Piacenza ma anche nel territorio del comune di Rivergaro. La refurtiva veniva tutta ricettata. L'Arma: «Lavoro eccellente, atto dovuto»

I carabinieri dell'Aliquota Operativa del Norm guidati dal luogotenente Ercolo Dallospedale e coordinati dal sostituto procuratore Antonio Colonna hanno sgominato una potente e pericolosa banda criminale che ha commesso decine di furti (15 solo quelli accertati, ma si parla di altre decine) per più di un milione di euro a Podenzano, a Piacenza ma anche nel territorio del comune di Rivergaro, senza contare i danni fatti per entrare nelle abitazioni ed esercizi pubblici che sceglievano con cura. Tutta la refurtiva (gioielli, orologi, contanti, quadri, pellicce) veniva ricettata poche ore dopo i colpi nel Milanese. Nessuna villetta, anche quella più protetta con allarmi sofisticati o inferriate, poteva resistere alla loro competenza e alla loro velocità di esecuzione. Nessuna cassaforte, fanno sapere dalla Procura, reggeva alla furia dell'associazione criminale. 

Il gip Stefania Di Rienzo ha spiccato nei giorni scorsi dieci ordinanze di custodia cautelare nei confronti di altrettante persone che ora sono accusate di furto, associazione per delinquere, ricettazione, spaccio di cocaina e sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione. Sei sono in carcere, due ai domiciliari e due sono al momento ancora ricercati. I militari, con l'ausilio di un'unità cinofila di Bologna e dei carabinieri del Radiomobile, li hanno arrestati nei giorni scorsi a Brescia, Piacenza e Modena. Si tratta di due italiani di 56 e 66 anni, di un romeno di 30 anni e di sette albanesi di età compresa tra i 41 e 27 anni, tutti con precedenti specifici, quasi tutti irregolari, uno anche colpito da un ordine di espulsione mai ottemperato.

I carabinieri, che il sostituto procuratore Colonna ha ringraziato per la dedizione e la costanza, li hanno arrestati al termine di delicate e complesse indagini condotte sia con i mezzi tradizionali come i pedinamenti sia con intercettazioni ambientali e telefoniche. La banda era composta da professionisti che sapevano come muoversi senza mai dare nell'occhio, tenendo cellulari spenti, cambiando spesso auto, usando come mezzo di comunicazione walkie talkie. «Ogni sera - fanno sapere - uscivano per compiere furti, prima, durante il giorno avvenivano sopralluoghi per capire quale casa saccheggiareIMG_0560-3. «Il capo Shkelzen Avram un 33enne albanese, chiamato dai suoi uomini "Dracula", è una figura di un elevato spessore criminale», ha detto il procuratore capo Salvatore Cappelleri. E continua: «Si tratta di persone senza scrupoli che agivano in modo chirurgico: sapevano quello che facevano e sapevano farlo muovendosi nell'ombra, di qui il nome Ghost, dato all'operazione». Uno dei due italiani era un basista, al pari, come potere, solo a Dracula. Era lui che forniva la cascina a Podenzano dove materialmente i ladri portavano la refurtiva che in poche ore veniva caricata su furgoni e portata nel Milanese dove veniva ricettata senza lasciare traccia. 

I due italiani erano basisti e fornivano supporto logistico, Dracula li coordinava e gli altri, la manovalanza, erano gli autori materiali dei maxi colpi. Quindici in totale quelli che sono stati accertati, ma gli inquirenti sospettano che abbiano messo la firma su moltissimi altri furti. In due occasioni sono stati presi di mira due locali pubblici. Non si fermavano davanti a niente, fanno sapere dalla Procura, entrando nelle villette specialmente di notte correndo il rischio di trovarsi di fronte ai padroni di casa, la cui reazione era ovviamente imprevedibile. Spregiudicati e professionisti del furto ben inseriti in un ambiente criminale e con diversi canali aperti anche in Lombardia. Quasi tutti senza fissa dimora, senza un'occupazione "legale", si muovevano in modo scaltro, cambiando spesso i luoghi dove riposavano dopo i colpi. I furti sono stati messi a segno nel comune di Podenzano e a Piacenza tra giugno 2016 e dicembre 2017. I militari, hanno ringraziato anche e specialmente il gruppo di vicinato di Podenzano che ha permesso loro di acquisire informazioni utili a costruire un impianto probatorio che ha retto davanti al gip Di Rienzo che ha anche accolto l'accusa di associazione per delinquere. «Siamo molto soddisfatti - ha commentato il comandante provinciale dell'Arma, il colonnello Corrado Scattaretico -. I miei uomini hanno lavorato spesso 24 ore al giorno senza mai lesinare impegno e dedizione. La giustizia è lenta ma quando arriva poi non ce n'è più per nessuno. Abbiamo reso un buon servizio alla cittadinanza, un atto dovuto a tutti quei cittadini che sono stati derubati e violati nelle loro abitazioni e a tutti quelli che nei mesi ci hanno aiutato e sollecitato».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Isa Mazzocchi è la "chef donna 2021" per Michelin

Ultime di Oggi
  • Economia

    Elezioni del CdA Terrepadane: Coldiretti contro Coldiretti

  • Economia

    Coldiretti: «Al Consorzio Agrario chiediamo più trasparenza»

  • Cronaca

    Covid-19: 24 nuovi casi e nessun decesso nel Piacentino

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Isa Mazzocchi è la "chef donna 2021" per Michelin

  • Cronaca

    «Quando permetti alla mafia di entrare in casa tua, hai già perso tutto»

  • Attualità

    Un premio di laurea per ricordare Fausto Zermani

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento