Coltellate al compagno, la giovane risponde al gip: «Mi picchiava e mi sono difesa»

Il fatto era accaduto il 30 dicembre vicino a via Einaudi. La polizia aveva arrestato per tentato omicidio una 28enne del Gabon per aver accoltellato il compagno al termine di una lite. La giovane ha risposto alle domande del gip durante l'interrogatorio di garanzia

Ha risposto alle domande del gip Luca Milani e ha raccontato la sua versione la 28enne del Gabon accusata di tentato omicidio nei confronti del suo compagno, un 22enne ivoriano. Durante l'interrogatorio di garanzia, la giovane è difesa dall'avvocato Matteo Mami, ha confermato di aver sferrato due coltellate alla schiena del compagno durante una lite. I fendenti sul momento non sembravano profondi e le sue condizioni non erano preoccupanti ma successivamente si sono aggravate: una delle coltellate gli avrebbe perforato un polmone. Il fatto risale al tardo pomeriggio del 30 dicembre, quando la volante è intervenuta in via Carini per una presunta rapina. Il 22enne inizialmente aveva infatti riferito ai poliziotti delle volanti di essere stato derubato e aggredito in strada da due sconosciuti armati di coltello. Una ricostruzione dell'accaduto che fin dal principio non li ha convinti, dando il via a più approfondite indagini. Gli accertamenti hanno infatti chiarito che l'accoltellamento era avvenuto in una abitazione e non in strada. Sul posto sono in seguito arrivati anche i poliziotti della squadra mobile. La giovane, che è anche incinta, è pentita di quanto ha fatto (lei stessa ha chiamato subito il 118) e ha dichiarato di essersi difesa, ha raccontato che il compagno la picchiava spesso con calci e schiaffi e che anche in quel frangente le aveva messo le mani addosso come anche il giorno di Natale, di lì le coltellate. Le indagini sono coordinate dal sostituto procuratore Antonio Colonna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento