Commercialista gonfiava crediti Iva: arrestati imprenditori edili e scoperta una frode milionaria

Complesse indagini del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Finanza: in manette tre imprenditori edili, un commercialista (ora defunto) e decine di indagati a piede libero. Disposto il sequestro di beni mobili, immobili e disponibilità finanziarie per oltre un milione di euro

Da sinistra: il tenente colonnello Sergio Riolo Vinciguerra, il sostituto procuratore Antonio Colonna, il colonnello Daniele Sanapo e il luogotenente Augusto Ferrari

«Un lavoro egregio portato a termine in maniera eccezionale nonostante la complessità e la difficoltà che situazioni di questo tipo comportano», lo ha detto il sostituto procuratore Antonio Colonna che ha coordinato le indagini del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Finanza guidato dal tenente colonnello Sergio Riolo Vinciguerra, che hanno alzato il velo su un sistema ben rodato che ha comportato una frode fiscale di circa 4 milioni di euro posta in essere da un commercialista (ora defunto, Giovanni Barbieri) e 16 imprenditori edili dal 2012 in poi. Il gip Luca Milani ha emesso quattro ordinanze di custodia cautelare ai domiciliari nei confronti di tre imprenditori e del professionista: sono accusati di frode fiscale perpetrata attraverso l’utilizzo di false compensazioni delle imposte.  E' stato anche contestualmente disposto il sequestro di beni mobili, immobili e disponibilità finanziarie, frutto dell’attività illecita, per oltre un milione di euro. 

Da sinistra: il tenente colonnello Sergio Riolo Vinciguerra, il sostituto procuratore Antonio Colonna, il colonnello Daniele Sanapo e il luogotenente Augusto Ferrari-2Nel corso delle indagini è stata analizzata una notevole mole di documentazione cartacea ed informatica sottoposta a sequestro e sono state raccolte testimonianze di oltre 40 persone che hanno confermato il modus operandi del commercialista, recentemente deceduto (peraltro anch’egli sarebbe stato destinatario di analoga misura di restrizione personale) che, su indicazione dei propri clienti e per alleggerire la propria posizione fiscale, in occasione della presentazione delle dichiarazioni fiscali, mediante la falsificazione della documentazione contabile, ha gonfiato i crediti Iva in modo da ottenere una maggiore imposta da compensare l’anno successivo. I responsabili della frode sono stati denunciati alla procura per emissione ed utilizzo di fatture per operazioni inesistenti e false compensazioni Iva.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E’ emerso, inoltre, che tra i clienti del professionista in questione, vi fosse una società, operante nel settore edile, che annotava in contabilità costi fittizi documentati da false fatture emesse da una società totalmente sconosciuta al fisco.  Al termine delle attività investigative sono stati, pertanto, individuati complessivamente, 61 soggetti economici, gia sottoposti ad accertamenti fiscali, illecitamente beneficiari di false compensazioni, dei quali 17 denunciati,  sono stati contestati oltre 2 milioni di euro di Iva evasa, crediti iva inesistenti compensati per oltre 1,5 milioni di euro e costi non deducibili superiori a 600 mila euro. Oltre ai 3 arrestati, la disposizione del sequestro dei beni ha riguardato anche altri 2 imprenditori, anch’essi operanti nel territorio piacentino, complici della frode.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce di strada e si ribalta in un campo, muore a 32 anni

  • Bimbo di un anno in ospedale per cocaina, arrestati i genitori e i nonni

  • Ruba scarpe da 40 euro ma nella mascherina ne ha più di 6mila: nomade denunciata

  • Cavo nel bosco ad altezza gola, ciclista piacentino salvo per miracolo

  • Invia le foto del tradimento alla moglie dell'amante della sua compagna, prima condanna per revenge porn a Piacenza

  • Sorprende i ladri in casa, 90enne scaraventata a terra e rapinata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento