menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Compra on line due borse per la moto che non gli sono mai arrivate, denunciato un truffatore seriale

La vittima è un 45enne di Gossolengo che on line ha comprato due borse laterali per la moto per 350 euro. Dopo aver fatto un bonifico la merce non gli è mai arrivata

Un impiegato di 45 anni, di Gossolengo, ingolosito dal mega affare da non perdere, ha effettuato l’acquisto di due borse laterali per moto, che non gli sono state mai recapitate ed è stato così truffato di 350 euro. L'uomo, il 13 ottobre scorso, navigando online su un sito di e-commerce è incappato nell’annuncio di vendita di due borse laterali per moto ed ha contattato l’inserzionista per avere maggiori informazioni. Quest’ultimo, sull’utenza telefonica dell’impiegato ha inviato le foto degli oggetti specificandogli che erano ancora disponibili nonostante avesse ricevuto già altre offerte. Il 45enne, per non perdere l’affare ha subito richiesto all’inserzionista i dati e le modalità di pagamento e ha fatto un bonifico bancario su un conto corrente che gli era stato indicato.

Con il passare dei giorni, non ricevendo più nessuna notizia sulla consegna, con l’inserzionista nel frattempo diventato irreperibile dopo aver intascato il denaro, l’impiegato 45enne ha deciso di rivolgersi ai carabinieri della stazione di Pontenure per denunciare l’accaduto. Grazie ai pochi, ma precisi dati forniti, i militari, dopo alcuni accertamenti,  sono risaliti al truffatore che nel 2020 per tre volte era stato denunciato per episodi analoghi. Si tratta di un uomo di 52 anni disoccupato, residente in provincia di Napoli,  che anche stavolta è stato denunciato per truffa. In questo tipo di acquisti, una regola d’oro è non avere fretta. Stare poi attenti a non farsi mettere sotto pressione e magari cercare di evitare il pagamento anticipato, se possibile. Con tre piccoli accorgimenti si può evitare di rimanere vittima di un raggiro o truffa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Il giardino di via Negri è un ritrovo di spacciatori»

Attualità

Usb: «Non saremo con i Si Cobas davanti alla Cgil»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento