menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Reggi, Dosi e Bisotti in Sant'Agostino

Reggi, Dosi e Bisotti in Sant'Agostino

Con l'Open Day porte aperte in dieci immobili del Demanio

Domenica 25 ottobre è l’ora dell’Open Day Piacenza. In vetrina immobili pubblici di proprietà del Demanio. Reggi: «Al momento ci chiedono spazi per le associazioni, per fare sport o aprire bar, ristoranti e luoghi di divertimento»

«Vorremmo indurre in tentazione qualcuno a pensare di comprare alcuni immobili del Demanio». È il sindaco di Piacenza ad introdurre un’iniziativa insolita per Piacenza. Il Direttore dell’Agenzia del Demanio Roberto Reggi, il Sindaco di Piacenza Paolo Dosi e l’Assessore alla Pianificazione, Rigenerazione Urbana e Smart City Silvio Bisotti hanno infatti presentato oggi l’iniziativa #OpendayPiacenza: immobili pubblici in vetrina che si svolgerà domenica 25 ottobre. L’obiettivo è far conoscere e visitare importanti beni di proprietà pubblica della città destinati ad operazioni di valorizzazione, protagonisti di una Consult@zione Pubblica in corso finalizzata ad individuare i futuri scenari di recupero e riuso. Domenica 25, dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 16.30, sarà così possibile visitare Bastione Porta Borghetto, Torrione Fodesta, Bastione S. Sisto, Porta del Soccorso, Rimessa locomotori ferrovia Piacenza-Bettola, ex Chiesa di S. Agostino, ex Chiesa delle Benedettine, ex Chiesa S. Lorenzo, ex Caserma Jacopo Dal Verme e l’area verde di Piazzale Malta (già ex Caserma Zanardi Landi  - porzione).Tutti i dettagli sull’iniziativa e sulle modalità di partecipazione alla Consult@zione  pubblici sono disponibili sul sito dell’Agenzia, al link https://www.agenziademanio.it/opencms/it/ConsultazionePubblica/ImmobiliPubbliciAPiacenza . Roberto Reggi-6

«Sarebbe un bel cambiamento per Piacenza – ha spiegato Dosi - rilanciare questi contenitori. Si aprirebbero molteplici opportunità.  Cerchiamo la collaborazione dei privati per il recupero, senza di loro per il Comune sarebbe impossibile ipotizzare un recupero. L’Open day sarà funzionale alla presa in visione di questi contenitori  per pensare alle funzioni e destinazioni future. Ovviamente questi progetti devono anche essere sostenibili dal punto di vista economico. Ci vuole un protagonismo dei soggetti  privati per vitalizzare spazi stupendi come quelli messi a disposizione».

«L’Amministrazione – ha proseguito Reggi - può fare ora iniziative che erano impensabilifino all’ anno scorso. I piacentini  devono diventare protsgonisti formulando idee e proposte per l’utilizzo non estemporaneo di questi spazi. È ancora in corso la fase di consultazione pubblica,  allargata fimo al 31 dicembre. I cittadini possono conoscere i vincoli, i piani, i progetti per aggiudicarsi questi beni. Alcuni posso essere dati in gestione fino a 50 anni,  altri possono addirittura essere messi in vendita. Vederli di persona e conoscerli aiuta a farsi un’idea più precisa». Reggi ha annunciato che anche a fine novembre/inizio dicembre vi sarà un altro momento di conoscenza dei beni, stavolta dedicata ad associazioni e fondi immobiliari.

Chiesa Sant'Agostino-2

«È un’occasione unica – ha proseguito Reggi – perché questi sono beni in stato di abbandono pericoloso. Dove ci troviamo adesso – ovvero l’ex Chiesa di Sant’Agostino – il Demanio rifarà il tetto a inizio 2016 con una spesa di 800mila euro. Ci sono tanti beni che rischiano di diventare ferite aperte  nel cuore della città. Questa è una grande occasione che la città  aspettava da tempo». Tanti volontari presidieranno le strutture aperte e offriranno anche informazioni utili ai partecipanti all’Open Day. A loro è andato il ringraziamento dell’assessore all’urbanistica e rigenerazione urbana Silvio Bisotti. Per ora trapela poco delle proposte già arrivate a Demanio e Amministrazione. «Al momento – ha dichiarato Reggi – sono arrivate richieste per lo più da associazioni, società che vorrebbero fare sport all’interno di alcuni luoghi, esercenti nel campo della ristorazione/bar  o luoghi di divertimenti per giovani. L’esperienza mi dice che in quest’ultima fase arriveranno nuove richieste».

LA SCHEDA DEGLI IMMOBILI 

Schede Beni Demanio-2

Percorso degli immobili della Consultazione pubblica-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento