«Con poche migliaia di euro si può far conoscere Piacenza»

In vista del terzo incontro dell'associazione Piacenza Cultura Sport dedicato al turismo, interviene Fabio Malusardi, che presenterà due progetti

Al centro del nuovo incontro dedicato al Turismo che si svolgerà martedì 21 giugno l’associazione Piacenza Cultura Sport ha voluto mettere il territorio. «Abbiamo parlato della disastrosa situazione del turismo a Piacenza. Abbiamo discusso dei possibili finanziamenti ai progetti, sia nell’ambito pubblico che privato. Ora però dobbiamo smettere di parlare, ed agire». Facendo il punto su quanto emerso dai precendenti incontri Fabio Malusardi sottolinea come sia necessario «mirare principalmente a tre cose: Rete, di Qualità, con Strumenti Tecnologici adeguati. Con l’obiettivo da una parte di dialogare con il nostro stesso territorio, gettando le basi per una regia comune, e dall’altra espanderci verso l’esterno, perché bisogna andare oltre ai soliti campanilismi locali e cercare di attrarre possibili turisti con offerte diverse, ma interessanti. Sono due i progetti che presentiamo e che abbiamo già fatto partire, ponendoci come “registi” al di sopra delle parti, senza interessi politici ma spinti dalla passione per la nostra città ed il nostro territorio.Il primo vuole censire i luoghi di interesse, musei privati, gallerie d’arte, ville d’arte e luoghi unici, con il fine di fare rete e realizzare circuiti tematici ed un sito con tutte i possibili itinerari. In collaborazione non solo con i proprietari ma anche con gli operatori turistici e altri interlocutori presenti nel turismo. Perché è inutile parlare di spingere una sola attrattiva a Piacenza quando sono proprio le diverse sfaccettature, paesaggistici, culturali, a rendere il territorio piacentino unico nel nostro genere.Il secondo, in collaborazione con altre realtà al di fuori da Piacenza ed in particolar modo nel Milanese, vuole pubblicizzarci e farci conoscere a possibili turisti.  Con l’ausilio di strumenti indispensabili come Google Adwords, stiamo già investendo sia in pubblicità su internet sia nel passaparola fuori Piacenza, come già da tempo sta facendo Grazzano Visconti. Perché non servono forti investimenti da parte delle istituzioni. Se ci sono, ben vengano, ma dobbiamo anche noi iniziare a fare la nostra parte, anche solo con “poche” migliaia di euro l’anno, perché non possiamo sempre lamentarci e poi stare seduti ai bordi di un fiume aspettando sìdi veder passare il cadavere, ma non del nostro nemico: il nostro, perché non fare nulla non significa che tutto si risolve da solo. Che state aspettando? Martedi 21 Giugno vi aspettiamo, per costruire insieme».

Chi volesse presentare il proprio progetto per il Turismo dovrà

inviarlo all’indirizzo email turismo@piacenzaeprovincia.eu

Possono presentare i propri progetti tutti i soggetti interessati (enti, privati, studenti, associazioni, Pro loco, etc) 

Verranno valutati esclusivamente i progetti dedicati al turismo

I progetti devono essere presentati in formato Pdf. Sono graditi allegati come presentazioni Power Point, Foto, Grafici.

I progetti devono essere firmati e corredati da un’autocertificazione di diritto di autore che verrà riconsegnata firmata e timbrata.

Saranno valutati tutti i progetti presentati entro il 14 giugno. I progetti verranno selezionati da un gruppo di lavoro composto da esperti e professionisti del settore coordinati un rappresentate superpartner di Google. I progetti scelti saranno poi presentati il 21 giugno al terzo incontro dagli stessi ideatori che avranno modo di illustrare e condividere nel dettaglio le loro idee. Verrà quindi elaborato uno studio fattibilità per la ricerca di finanziamenti e partner.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento