Cronaca

Con un microfono nascosto si fa suggerire le risposte della teoria della patente, nigeriano denunciato

Alla motorizzazione. L'uomo non parla né comprende la lingua italiana

Il 22 gennaio 2020, verso le ore 10 una pattuglia della Sezione Radiomobile della Compagnia di Piacenza, è intervenuta nella sala della Motorizzazione Civile dove era in corso gli esami di teoria per il conseguimento della patente di guida. L’esaminatrice della sessione di esami in corso aveva il sospetto che qualcuno tra i candidati stesse utilizzando un dispositivo elettronico per comunicare con l’esterno. Diciassette erano i canditati presenti, solo uno destava sospetto. Si trattava di un 36enne, nato in Nigeria, residente in provincia, che non parlava e non comprendeva a sufficienza la lingua italiana. Controllato dai militari intervenuti, aveva in uso due cellulari ed un sofisticato dispositivo elettronico composto da diversi componenti interconnessi attraverso alcuni cavi ed alimentato da due piccole batterie in grado di collegarsi con l’esterno.

L’intero dispositivo veniva sequestrato. Lo straniero quindi veniva portato in caserma  e veniva denunciato per falsità ideologica e di falsa attribuzione di lavori altrui.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Con un microfono nascosto si fa suggerire le risposte della teoria della patente, nigeriano denunciato

IlPiacenza è in caricamento