menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Confederex Piacenza, presentato il progetto “Leggere la realtà"

Una proposta di formazione scolastica tra forme ed emozioni ideata da Confederex Piacenza e rivolta alle scuole del primo ciclo di istruzione

Un percorso formativo mirato a stimolare la funzione emozionale dei giovani che partendo dalla lettura, li proietti nelle forme espressive del linguaggio della quotidianità (Tv, teatro, canto, danza...). L’opportunità è rivolta agli alunni della Scuola del primo ciclo di istruzione e, a determinati livelli, anche per il secondo ciclo, con particolare riferimento agli studenti che presentino difficoltà di carattere cognitivo.

E’ questo in sintesi il progetto a respiro regionale “Leggere la realtà”, messo a punto dalla Confederazione delle Associazioni Ex-Allievi delle Scuole Cattoliche- Consiglio dell'Emilia-Romagna Regionale e presentato al Liceo scientifico San Benedetto. La proposta è rivolta nello specifico (ma non solo), alle istituzioni scolastiche non statali, paritarie e non, e alle realtà di istruzione famigliare e parentale, nella consapevolezza che possa tradursi in un’opportunità di sviluppo della persona.

Il programma può essere attuato a livello di diversi ambiti: teatrale, cinematografico, pubblicitario, televisivo, musicale, pittorico, coreutico con linee metodologiche-operative che offrono contesti di forte potenzialità, per un coerente sviluppo di autoconsapevolezza, fondati su percorsi di drammatizzazione e di produzione teatrale. A tale riguardo, il Progetto disporrà di fasi adattabili da contestualizzare al tipo di scuola.  A titolo esemplificativo: Costruzione di storie: come scegliere, costruire, raccontare storie - presentazione dei diversi tipi di linguaggio: verbale, intimo, poetico - espressione attraverso il movimento, il gesto delle mani, il linguaggio del corpo; storie sapienti quali: miti e leggende, le fiabe popolari e di fate, le storie domestiche. Inoltre le tecniche per costruire e raccontare storie: forma, conflitto, ritmo, il finale, attendibilità, storia in immagini, materializzare la storia,  lo spazio, la forza, il flusso e i gesti.

Hanno illustrato con convinzione ed entusiasmo le rispettive discipline Giovanna Liotti dell’Associazione teatrale culturale “La maschera di cristallo”, Flaviana Callegati  di Forlì per le normative di riferimento, Rosanna Pasi di Ravenna, presidente della FNASD, per gli aspetti coereutici, Tiziana Marzaroli dell’Associazione culturale di danza “Tersicore”, il musicologo Simone Tansini e la psicologa Martina Finetti. Presente all’incontro anche Liliana Beriozza presidente nazionale Confederex, che ha rilevato la valenza nazionale del Progetto del quale fanno parte anche Laura Cavalli, presidente “Libera scelta onlus”, Arturo Cannistrà e Raffaele Filace di Aterballetto.

L’insieme degli interventi, coordinati dal prof.  Maurizio Dossena -  referente della Confederex di Piacenza-Bobbio e dell’Emilia-Romagna - sono stati oggetto di considerazione da parte del preside del “San Benedetto” prof. Fabrizio Bertamoni il quale ha espresso condivisione e disponibilità alla valorizzazione dell’iniziativa evidenziando però la necessità di una preventiva attenta valutazione degli spazi di autonomia didattica concessi, scuola per scuola dalle direttive ministeriali.

Confederex-3

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento