Contratto bloccato nella pubblica amministrazione, "occupazione" simbolica del consiglio provinciale

I rappresentanti dei lavoratori chiedono a sindaco di Piacenza, presidente della Provincia e Segretario Camera di Commercio di sottoscrivere la "cartolina" per il rinnovo contrattuale della Pubblica Amministrazione

«Da sette anni i “suoi” lavoratori hanno il contratto nazionale bloccato, nonostante la Corte Costituzionale abbia dichiarato il blocco illegittimo» inizia così la cartolina che i segretari generali di Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Pa e Uil Fpl di Piacenza vorrebbero far sottoscrivere al sindaco di Piacenza Paolo Dosi, al presidente della Provincia Francesco Rolleri e al segretario della Camera di Commercio, Alessandro Saguatti. “Il mancato rinnovo contrattuale deciso sciaguratamente dal Governo – spiegano i tre segretari generali di comparto di Cgil, Cisl e Uil – ha di fatto impedito la necessaria innovazione e competitività dei servizi pubblici e del welfare della nostra Regione. Tutto il sistema del pubblico, così come la Sanità privata ed il Terzo Settore sono pieni di tante lavoratrici e lavoratori che operano con serietà e dedizione e che chiedono a gran voce il rinnovo della contrattazione». Una richiesta che diverrà ancora più esplicita il 24 maggio, giorno dello sciopero generale del pubblico impiego, della sanità privata e del terzo settore in Emilia-Romagna.  La mobilitazione riguarda anche i dipendenti delle province, e per sensibilizzare i sindaci sul tema i sindacati hanno previsto per venerdì 6 maggio una “occupazione” simbolica del consiglio provinciale di Piacenza, proprio quando all'Ordine del giorno dell'assise c'è la discussione di un accordo siglato da sindacati e amministrazioni provinciali di Piacenza e Parma in vista delle funzioni associate della cosiddetta “area Vasta”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento