menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto E. Gatti

Foto E. Gatti

Coronavirus e decessi, i numeri non tornano: se le vittime fossero molte di più?

Dati Istat e numeri della Regione a confronto: in soli 21 comuni del Piacentino registrate molte più vittime di quelle legate al Coronavirus in tutto il territorio

L’Istat fornisce alcuni numeri e i dubbi sorgono spontanei. Non è che la pandemia ha causato ancora più vittime, nel nostro territorio, di quelle dichiarate dalle autorità? La riflessione, a dir la verità, da giorni è già sulla bocca di alcuni esponenti politici locali. Un po’ per pudore, un po’ per la volontà di non alimentare polemiche in questa situazione – medici e infermieri rimangono sempre al lavoro per salvare più vite possibili nei nostri ospedali -, il dibattito è rimasto però confinato in qualche confronto telefonico.

I numeri forniti nelle scorse ore dall’Istat sembrano però andare in questa direzione. L’Istituto nazionale di statistica ha preso come riferimento solo 21 comuni del Piacentino, nel periodo tra il 1 e il 21 marzo 2020, a confronto con il 1 e 21 marzo 2019. Un anno fa i deceduti in questi 21 comuni, in 21 giorni, furono 146. Un anno dopo, ai tempi del Coronavirus, il conteggio ha toccato la drammatica cifra di 530 vittime. Si tratta di 384 decessi in più.

Regione Emilia-Romagna (e Ausl di Piacenza) hanno invece riportato il dato, riferito allo stesso periodo, di 281 vittime (come riportato dal nostro giornale quel giorno). Così, in soli 21 comuni, 103 persone sarebbero decedute per altre problematiche. Centotré persone in una provincia come Piacenza sono comunque tante.

Ma occorre poi aggiungere tutte le vittime degli altri 25 comuni. Nei ventuno comuni analizzati da Istat figurano alcuni dei comuni più popolosi della provincia (il capoluogo Piacenza, Fiorenzuola, Rottofreno, Podenzano), ma mancano - ad esempio - Rivergaro e Castelsangiovanni. Più tutti gli altri. Quindi la cifra di vittime di questi 21 giorni, è sicuramente più alta. Enormemente spropositata rispetto alle vittime del Coronavirus dichiarate da Regione e Ausl. Sono forse tutte decedute per altre patologie? Appare improbabile. Qualcosa, perciò, non quadra.

1-16-32-8-28
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento