rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Coronavirus

«Contagi triplicati in una settimana, quasi cinquemila piacentini in quarantena»

Per il dg di Ausl Luca Baldino «è critica la situazione» epidemiologica a Piacenza. I nuovi positivi accertati sono stati 2.291, con un incremento del 177 per cento. Sono 2.753 i pazienti seguiti dalle Usca e 20 gli accessi giornalieri al pronto soccorso

«E’ critica la situazione» epidemiologica a Piacenza. Lo ha detto il direttore generale di Ausl Luca Baldino, nel corso dell’appuntamento settimanale con la stampa. «I numeri sono triplicati in una settimana: in quella che va dal 27 dicembre al 2 gennaio i nuovi positivi accertati sono stati 2.291, con un incremento del 177 per cento (la scorsa settimana erano 825, nda). A Piacenza la situazione è migliore rispetto al resto della Regione e del Paese: nella nostra provincia sono l’incidenza è di 806 casi ogni 100mila abitanti, mentre 1.116 quella dell’Emilia-Romagna e 1.149 ogni cento mila abitanti è il dato dell’incidenza a livello nazionale».

Report-settimanale-27-dic-02-gen-page-013-2

Baldino ha confrontato l’andamento dei positivi del 2021 con quello del 2020, quando il 18 novembre si era raggiunto il picco di 1.555 positivi in una settimana. «Ora abbiamo superato abbondantemente questo picco», ha detto il direttore generale di Ausl spiegando anche che il numero di tamponi effettuati in una settimana è passato dai 15.430 (dal 20/12 al 26/12) ai 18.990 (27/12 – 02/01): di questi il 12 per cento sono risultati positivi, circa uno su otto».

Report-settimanale-27-dic-02-gen-page-014-2

Stabile la situazione nelle residenze per anziani con tre persone risultate positive al Covid: si tratta di due pazienti e di un operatore in tre differenti strutture.

Questa la situazione per quanto riguarda le scuole, a quasi due settimane dalla sospensione delle lezioni per le festività natalizie

Report-settimanale-27-dic-02-gen-page-023-2

TAMPONI E VACCINAZIONI - «Il ciclo vaccinale con il richiamo della terza dose inizia a fare effetto sulla fascia più anziana della popolazione con 203 casi di positività ogni 100mila abitanti, mentre è molto alto nella fascia di età 18-40 (1.544 casi ogni 100mila abitanti), che da poco ha accesso alla dose booster di richiamo con lo scadere dei cinque mesi dalla seconda; e a seguire in quella 0-17».

Report-settimanale-27-dic-02-gen-page-020-2

«Sono triplicate le persone in quarantena – ha aggiunto Baldino – per un totale di 4.855 tra positivi o contatti stretti. I casi seguiti dalle Usca sono quasi triplicati con 2.753 pazienti visitati a domicilio o invitati a fare il tampone: l’aumento è stato pari al 393 per cento».

Report-settimanale-27-dic-02-gen-page-021-2

Così l’Ausl sta cercando di spostare il personale per implementare le squadre di Unità speciali di continuità assistenziale, i reparti Covid e i centri vaccinali: «Stiamo lavorando bene anche se in rari casi ci sono stati ritardi di 72 ore però tutti i pazienti sintomatici vengono visitati a domicilio e a quelli con lievi sintomi viene effettuato il tampone».

Report-settimanale-27-dic-02-gen-page-022-2

L’effetto di questa ondata si fa sentire anche sul pronto soccorso dove gli accessi che fino ad una settimana fa erano circa 5 al giorno, nell’ultima che va dal 27 dicembre al 2 gennaio si sono registrati 20 accessi giornalieri. «Numeri gestibili grazie anche all’ottimo lavoro delle Usca», ha detto Baldino spiegando che la nostra provincia è quella con il numero più basso in regione, in proporzione al numero di abitanti. «I ricoveri aumentano ma non in maniera veloce come i positivi: i numeri crescono circa dieci giorni dopo l’aumento dei contagi e ci aspettiamo un incremento nelle prossime settimane. Domenica erano 63, oggi poco sopra i 70, circa un quinto di quelli che registrati con il picco di novembre 2020. Questo aumento non proporzionale dei positivi con i ricoveri è dovuto all’effetto dei vaccini che impediscono di contagiarsi, anche se non totalmente ma con una barriera efficace circa la gravità della malattia». Due pazienti sono in terapia intensiva: si tratta di un 72enne non vaccinato e di un uomo arrivato dall'ospedale di Reggio Emilia.

Report-settimanale-27-dic-02-gen-page-024-2

Report-settimanale-27-dic-02-gen-page-025-2

Report-settimanale-27-dic-02-gen-page-026-2

Report-settimanale-27-dic-02-gen-page-027-2

Report-settimanale-27-dic-02-gen-page-028-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Contagi triplicati in una settimana, quasi cinquemila piacentini in quarantena»

IlPiacenza è in caricamento