Croce Rossa, raccolta più di una tonnellata di alimenti per i poveri

La Croce Rossa Italiana, Comitato di Piacenza, ha effettuato ieri una raccolta di generi alimentari di prima necessità e prodotti per neonati e bambini

La Croce Rossa Italiana, Comitato di Piacenza, ha effettuato ieri una raccolta di generi alimentari di prima necessità e prodotti per neonati e bambini, nei supermercati "Esselunga" di Via Conciliazione e di Via Manfredi. Insieme ai 50 volontari della Croce Rossa (coordinati da Clara Volta in via Manfredi e Veronique Pichon in via Conciliazione) erano presenti sugli stand le crocerossine e gli uomini dell'Associazione Nazionale Alpini di Piacenza. "Quanto raccolto," ha spiegato Ivana Casotti, responsabile del servizio di raccolta alimentare per le famiglie, "sarà destinato alle persone bisognose del territorio, assistite da Croce Rossa Italiana. Il contributo dei tanti piacentini che hanno partecipato sarà di grande aiuto per alleviare le situazioni di vulnerabilità". A metà pomeriggio nei magazzini erano già stoccati 350 kg di pasta, 100 kg di riso, zucchero, olio, biscotti, scatolame vario (tonno, legumi, passata di pomodoro), latte a lunga conservazione. Per i neonati sono stati raccolti omogeneizzati e biscotti. Alessandro Guidotti, presidente del comitato di Piacenza di Croce Rossa, ha sottolineato come anche in questa occasione la comunità piacentina si sia dimostrata generosa e attenta alle esigenze delle famiglie in difficolta. Ha inoltre ringraziato Esselunga per la sensibilità dimostrata anche in questa circostanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Il divieto di spostamento tra comuni non piace a nessuno: «Così non potranno vedersi genitori e figli»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento