rotate-mobile
Cronaca

Da richiedente asilo a spacciatore a domicilio, nigeriano in manette

Ennesimo richiedente asilo nei guai per spaccio. Questa volte le manette sono scattate ai polsi di un nigeriano di 22 anni, O. Y., le iniziali, arrestato dalla Squadra Mobile. Ogni giorno a bordo della sua bici vendeva cocaina e marijuana. In casa aveva quasi mezzo chilo di droga

Ennesimo richiedente asilo nei guai per spaccio. Questa volte le manette sono scattate ai polsi di un nigeriano di 22 anni, O. Y., le iniziali, arrestato dalla Squadra Mobile. Gli uomini di Salvatore Blasco lo tenevano d'occhio da tempo e hanno capito che ogni giorno si alzava, prendeva la sua bicicletta e andava in giro per la città a spacciare a i tanti clienti che richiedevano la sua droga. I poliziotti sono entrati in azione nella giornata del 27 novembre in via Conciliazione. Lo hanno bloccato e addosso aveva tre dosi di marijuana pronte da vendere, poi hanno perquisito la sua abitazione in via Cornegliana. Nell'appartamento abitavano diversi suoi connazionali. Nella sua stanza, in un armadio hanno trovato un borsone con 68 grammi di cocaina divisa in ovuli termosaldati, e 4 etti di marijuana divisi in diversi sacchetti di plastica, rotoli di cellopohano, bilancini di precisione e altro materiale per il confezionamento della droga. Agli agenti ha detto che lo stupefacente era per uso personale. Ora si trova in carcere con l'accusa di detenzione di droga ai fini di spaccio. Al giovane, a Piacenza da circa un anno, era scaduta la richiesta di asilo. 


 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da richiedente asilo a spacciatore a domicilio, nigeriano in manette

IlPiacenza è in caricamento