Da Torrio a Santo Stefano per il film multicolor della transumanza

Domenica 30, ultima di ottobre, in una splendida giornata di sole e temperatura mite, sul percorso che dai pascoli del monte Crociglia porta a Santo Stefano d'Aveto, si è ripetuto l'antico rito della transumanza

Fotoservizio di Giancarlo Peroni

Domenica 30, ultima di ottobre, in una splendida giornata di sole e temperatura mite, sul percorso che dai pascoli del monte Crociglia porta a Santo Stefano d’Aveto, si è ripetuto l’antico rito della transumanza, manifestazione che in pochi anni si è radicata nel calendario del centro di villeggiatura ligure ed in quello di Torrio (Ferriere), richiamando numeri sempre maggiori di turisti desiderosi di assistere al ritorno delle mandrie alle stalle dopo il soggiorno estivo sugli alpeggi del monte tanto caro agli abitanti di Torrio.

Le mandrie dell’azienda agricola Monteverde sono partite sono scese dai pascoli del monte Crociglia poco dopo le sette del mattino per fare tappa a Torrio intorno alle nove in una sorta di ringraziamento ai Torriesi che da anni ospitano i bovini sui verdi pascoli del loro monte.

Molte le persone a seguire la mandria sin dalla partenza; intere famiglie con bambini piccoli e cani al seguito, numerosissimi cavalieri (in maggioranza cavallerizze), molti turisti trasportati dal comune ligure a Torrio grazie ad  un servizio  navetta. I più entusiasti, come sempre e come giusto che sia, sono stati i più piccoli finalmente a contatto con animali un tempo di casa in molti paesi delle nostre valli ed oggi sempre più rari.

Dopo una gustosa colazione a base di focaccia, formaggio e bevande offerta dai titolari dell’azienda Monteverde ai partecipanti, ed erba fresca per gli animali,  mandria, mandriani, cavalieri e novelli pastorelli hanno proseguito il cammino alla volta di Santo Stefano dove sono giunti intorno a mezzogiorno accolti da alcune migliaia  di turisti che hanno salutato il loro arrivo al pari delle star di Cinecittà.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento