Dal Governo più di 16 milioni di euro a Piacenza per l'emergenza Coronavirus

Decreto per l’emergenza coronavirus. Tra questi fondi anche i 400 milioni della Protezione civile per aiutare a fare la spesa a chi è in difficoltà

Soldi a disposizione subito dei comuni con l’ultimo Dpcm. A Piacenza la cifra prevista per i nostri comuni è di oltre 16 milioni e 700mila euro. Somme che i comuni piacentini avrebbero comunque avuto a disposizione a maggio. Il denaro a disposizione è frutto di una minore trattenuta agli stessi comuni, trattenuta che ingrossava il Fondo di solidarietà ai Comuni (Fsc, fondi quindi messi a bilancio che si sarebbero dovuti versare a maggio per aiutare chi aveva difficoltà di cassa). Fa parte dei 4,3 miliardi decisi per l’emergenza Covid-19 che sta flagellando l’Italia.

Il Fsc per il 2020 è in totale di 6.199.513.364,88, integrato di 332.031.465 milioni “derivanti dall'ulteriore quota dell'Imu di spettanza dei comuni”: in totale oltre 6,5 miliardi.

I fondi arriveranno ai Comuni «in due rate entro i mesi di maggio e ottobre 2020, di cui la prima pari al 66%, comunque nei limiti della disponibilità di cassa”: cioè i 4,3 miliardi annunciati da Giuseppe Conte sabato sera.

Il Comune di Piacenza ha così in dotazione 5,7 milioni, Fiorenzuola 805mila euro, Castelsangiovanni 669mila, Rivergaro 537mila, a Rottofreno 468mila, Carpaneto 425mila, Borgonovo 412mila, Bobbio 364mila (nella tabella sotto si può vedere l’elenco completo dei Comuni della nostra provincia).

I circa 400 milioni destinati dal Governo per l’acquisto di generi alimentari ai meno abbienti e a chi è difficoltà ha ricevuto sì il plauso dell’Anci (Associazione dei comuni) ma anche le critiche: «Per gli 8mila comuni italiani serve almeno un miliardo» ha detto il vice presidente Roberto Pella. Insomma, il malcontento e l’incertezza serpeggiano tra i sindaci italiani, e non solo tra quelli dei partiti diopposizione.

Ora i sindaci dovranno applicare l’ordinanza della Protezione civile per la distribuzione dei buoni spesa. Naturalmente, sono indicate alcune categorie. Il buono, ad esempio, non potrà essere erogato a chi ha il reddito di cittadinanza, la cassa integrazione, un’attività aperta, pensionati. Si dovranno, poi, considerare eventuali disoccupati in famiglia e se ci sono figli a carico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

WhatsApp Image 2020-03-29 at 15.42.32-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce di strada e si ribalta in un campo, muore a 32 anni

  • Ruba scarpe da 40 euro ma nella mascherina ne ha più di 6mila: nomade denunciata

  • Tenta un sorpasso a velocità folle poi si ribalta e tenta di scappare a piedi: denunciato

  • Nina Zilli porta Guido Meda in giro per la Valtrebbia

  • Cavo nel bosco ad altezza gola, ciclista piacentino salvo per miracolo

  • Diventano parenti al matrimonio e poi si picchiano al bar: due feriti e una denuncia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento