Debito pagato con un quadro falso, al via il processo

Lo scambio era avvenuto a Piacenza. Le indagini dei carabinieri del nucleo tutela patrimonio artistico.

Il quadro al centro del processo

Un vecchio debito pagato con un quadro ritenuto falso è finito davanti al giudice. Si è aperto davanti al giudice Gianandrea Bussi, pm Monica Bubba, il processo nei confronti di un uomo di Alessandria che nel 2013 aveva saldato un debito con un quadro di un pittore sloveno Zoran Music (l’artista, morto nel 2005 a Venezia a 104 anni, era un esponente della nuova Scuola di Parigi). L’imputato deve rispondere di aver messo in vendita un’opera d’arte falsificata, reato previsto dal decreto legislativo 42 del 2004, il Codice dei beni culturali e del paesaggio.

Il creditore (originario della Liguria), però, aveva dubitato di quell’acquerello - “Venezia 1948” - e, nonostante ci fosse anche una perizia, aveva contato la vedova del pittore. La donna, hanno detto in aula i carabinieri del Nucleo tutela patrimonio artistico di Venezia, aveva espresso dubbi sullo stile e affermato che la firma era falsa.

Il “raggirato” - lo scambio era avvenuto a Piacenza - aveva così denunciato l’alessandrino ai militari. L’uomo, difeso dall’avvocato Angelo Rovegno, si era giustificato dicendo che l’opera aveva un’expertise di un famoso critico d’arte, Silvio Acatos. Il debito risaliva al 2005 e Bottarelli aveva acquistato un orologio Longines che non aveva pagato subito, ma si era presentato dopo 8 anni con il dipinto al centro del processo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento