Debora ricorda Elisa con una lettera: «Mi sento in colpa per non averti protetta»

Anche Debora Pomarelli ha partecipato al convegno “Insieme per prevenire e contrastare le condotte violente" organizzato dal Tavolo provinciale contro al violenza sulle donne. Presenti anche i genitori e l'altra sorella Francesca. Elisa è stata uccisa da Massimo Sebastiani il 25 agosto 2019

Debora Pomarelli, una sorella di Elisa

Quando la sala si è alzata in piedi applaudendo, Debora Pomarelli si è commossa e le lacrime le hanno rigato il viso. Poi, un lungo faccia a faccia con il sindaco Barbieri. Ha voluto partecipare anche lei al convegno “Insieme per prevenire e contrastare le
condotte violente" organizzato dal Tavolo provinciale contro al violenza sulle donne. E lo ha fatto, emozionata, leggendo una lettera che ha scritto alla sorella Elisa, ammazzata in un caldo giorno di agosto da un uomo che si era infatuato di lei e che diceva di amarla. «Mi sento in colpa per non averti protetta» ha scritto. Nel testo, Debora ricorda che la sorella aveva un carattere chiuso «che se eri ferita ti allontanavi dal mondo, ti tenevi tutto dentro». Poi un pensiero anche all'uomo che gliel’ha portata via, Massimo Sebastiani. «Massimo, mi dicevi, ti aveva fatto scoprire l’agricoltura» e lei era orgogliosa di mostrare i prodotti dei campi. Lei, ha scritto Debora, era affezionato a quell’uomo, un amico, lui era innamorato, ma Elisa restava un amico. «Era anticonformista - ha continuato Debora - ma dietro la maschera si celava altro». Debora teneva nascoste le uscite o le telefonate di Elisa, perché lui era geloso «voleva tenerti tutta per te». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ruba scarpe da 40 euro ma nella mascherina ne ha più di 6mila: nomade denunciata

  • Tenta un sorpasso a velocità folle poi si ribalta e tenta di scappare a piedi: denunciato

  • Nina Zilli porta Guido Meda in giro per la Valtrebbia

  • San Polo, camion di pomodori si ribalta e perde tutto il carico

  • Diventano parenti al matrimonio e poi si picchiano al bar: due feriti e una denuncia

  • Rissa al Tuxedo, parla il gruppo dei campani: «Noi offesi, minacciati e insultati»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento