Dipendenti indagati, Cisl: «Fatti che devono essere puniti con la giusta severità»

Marina Molinari

«Abbiamo appreso dagli organi di stampa di azioni giudiziarie nei confronti di decine di dipendenti del comune di Piacenza per false attestazioni di presenza sul luogo di lavoro. Queste notizie - scrivono in una nota Marina Molinari, Segretario generale aggiunto Cisl Parma Piacenza ed Elisabetta Oppici, Segretario generale Funzione Pubblica Parma Piacenza - ci preoccupano per la loro gravità. I fatti, se riscontrati, devono essere puniti con la giusta severità. Questi comportamenti costituiscono un danno nei confronti di tutti quei dipendenti pubblici che quotidianamente garantiscono servizi fondamentali per la nostra comunità. L’impegno quotidiano di tanti seri lavoratori pubblici non merita di essere infangato da vicende che ricadono nella responsabilità esclusiva di chi le ha messe in atto, ma che contribuiscono a mettere in cattiva luce tutto il lavoro pubblico. La Cisl e la Funzione Pubblica Cisl esprimono fiducia nel lavoro della Procura della Repubblica, necessario per mettere a fuoco le effettive e precise accuse». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al fisco 5mila euro e lavoratori in nero ma in casa un tesoro da mezzo milione: ristoratori indagati

  • Piacenza e l'Emilia-Romagna in zona arancione: quello che c'è da sapere

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

Torna su
IlPiacenza è in caricamento