rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Cronaca Podenzano

«Diritto alla casa e al lavoro, non lo abbiamo noi e non lo avranno loro»

Presidio di Forza Nuova, CasaPound Italia e Veneto Fronte Skinheads​ nel pomeriggio del 22 luglio davanti al municipio di Podenzano. La protesta, che ha coinvolto circa cinquanta persone, è nata per l'arrivo di venti richiedenti asilo nella frazione di Albone

Presidio di Forza Nuova, CasaPound Italia e Veneto Fronte Skinheads? nel pomeriggio del 22 luglio davanti al municipio di Podenzano. La protesta, che ha coinvolto circa cinquanta persone, è nata per l'arrivo di venti richiedenti asilo nella frazione di Albone. Nonostante il 21 luglio il sindaco Alessandro Piva abbia emanato un'ordinanza che ha dichiarato la struttura dei profughi inagibile e quindi ha anche deciso per lo sgombero, gli organizzatori hanno voluto comunque fare sentire la propria voce. 

Cinquanta persone con tricolori e un maxi striscione che recitava "Fermiamo l'immigrazione", hanno presidiato il municipio sotto l'occhio vigile dei carabinieri della compagnia di Piacenza e della polizia, sul posto anche con una squadra del Reparto Mobile di Bologna. Tanti gli slogan urlati, uno su tutti: "Diritto alla casa e la lavoro, non lo abbiamo noi e non lo avranno loro". Una protesta che non riguarda solo il caso di Albone ma che è segno di un malessere crescente e costante per i migliaia di sbarchi sulle nostre coste negli ultimi mesi, e una sensazione di impotenza e  precarietà che accompagna molti italiani. 

I profughi di Albone, venti uomini del Bangladesh, superavano in numero i residenti del piccolo abitato: questo aveva creato negli ultimi giorni accese polemiche ma dopo un sopralluogo dei tecnici del Comune il sindaco ha emanato l'ordinanza: la struttura manca delle condizioni igienico sanitarie e sarà sgomberata. Presenti Emanuele Meroni del Veneto Fronte SkinHead, Barbara Cremona (Forza Nuova), Pietro Pavesi (Casa Pound Italia) e Pino de Rosa (Circolo Culturale Bombacci). Tutti concordi nel dichiarare che "l'invasione va fermata, va bloccata la sostituzione etnica in atto". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Diritto alla casa e al lavoro, non lo abbiamo noi e non lo avranno loro»

IlPiacenza è in caricamento