menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dirottavano tir pieni di merce griffata, colpi per tre milioni di euro: arrestati

Lavoravano nel centro logistico e avevano trovato il modo di arricchirsi caricando tir con merce griffata e costosissima che veniva poi ricettata da un secondo gruppo, ma i carabinieri li hanno scoperti e arrestati. Sette le misure cautelari chieste e ottenute dal pm Matteo Centini al gip Stefania Di Rienzo e che sono state eseguite nella mattinata del 15 marzo

Lavoravano nel polo logistico e avevano trovato il modo di arricchirsi caricando tir con merce griffata e costosissima che veniva prima dirottata e poi ricettata da un secondo gruppo di complici, ma i carabinieri li hanno scoperti e arrestati. Sette le misure cautelari chieste e ottenute dal pm Matteo Centini al gip Stefania Di Rienzo e che sono state eseguite nella mattinata del 15 marzo, solo due non sono state al momento ancora eseguite perché i destinatari sono all'estero ma saranno ben presto bloccati. Il sodalizio aveva come figura apicale un italiano che ricopriva il ruolo di responsbile di un'area del magazzino, poi c'erano alcuni operai romeni e alcuni ricettatori sudamericani provenienti dal Milanese. Il bottino si aggirerebbe attorno ai 3 milioni di euro, i carabinieri del Norm di Fiorenzuola durante le complesse indagini sono riusciti a recuperarne 600mila. Sono accusati di associazione per delinquere finalizzata al furto e alla ricettazione. Nel centro logistico Xpo di Pontenure vengono movimentati centinaia di colli contenenti merci di importanti marchi di moda, la banda falsificando le bolle, carica i tir per milioni di euro e poi dirottava il mezzo in un piazzale dove i sudamericani ricevevano la refurtiva pagandola in contanti. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento