Cronaca

«Dispiaciuta per i disagi ma sono state applicate tutte le misure del piano neve»

Il sindaco Barbieri sulla situazione in città: «Non cerco alibi e giustificazioni, ma 40 centimetri di neve in otto ore non si erano mai visti. Altri capoluoghi con meno neve in tilt»

Neve, ghiaccio, spartineve, sale, lame e cumuli. Si parla (quasi) solo di questo in città. Così il sindaco di Piacenza Patrizia Barbieri, durante l’incontro in streaming di fine anno con la stampa locale, non è voluta fuggire di fronte all’argomento che più rimbalza nelle orecchiePatrizia Barbieri-107 della Giunta e della maggioranza di Palazzo Mercanti. «C’è stato un impiego imponente di mezzi e uomini a partire da subito – chiarisce ancora una volta il primo cittadino -. Questa era una situazione di emergenza, un evento eccezionale: quello che si poteva fare, lo si è fatto». 

Barbieri ribadisce ancora il concetto. «In otto ore 40 centimetri di neve in città non si erano mai visti. I nostri 73 mezzi, rapportati ai 200 di Milano, sono significativi. In provincia la situazione è uguale, a Milano idem. Sono dispiaciuta dei disagi, voglio però far capire però che tutte le misure di un piano neve serio – e non raffazzonato - sono state prese». Se Atene piange, Sparta non ride. «Sono andate in tilt città con meno neve – aggiunge il sindaco - della nostra. Le autostrade sono state chiuse perché non si riusciva a pulire. Le lame solitamente utilizzate, con questa neve così compatta e ghiacciata, tiravano via lo strato di neve ma non la parte sotto. Così si sono trovate lastre di ghiaccio ovunque. Il problema c’è, non cerchiamo alibi e giustificazioni. Ora bisogna pensare ai marciapiedi». 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Dispiaciuta per i disagi ma sono state applicate tutte le misure del piano neve»

IlPiacenza è in caricamento