«Dobbiamo fare di più per le donne che affrontano sole drammi familiari, c'è troppa indifferenza»

La morte di Damia El Assali a Borgonovo: l’appello di Giovanna Palladini e Giulia Piroli a tutte le amministratrici

La vittima, Damia El Assali

«Morire in casa con la gola tagliata: il drammatico destino della giovane donna trovata accoltellata ci pone davanti ad un copione scritto troppe volte, quello del femminicidio e di figli in tenera età lasciati senza madre e portati, a questo momento, non si sa dove». Giulia Piroli (consigliera comunale del Pd) e Giovanna Palladini (vicesegretaria provinciale del partito) hanno voluto diffondere una riflessione sull’omicidio di Borgonovo: Damia El Assali ha perso la vita nella mattinata dell’8 maggio. «Drammi familiari vissuti in solitudine – proseguono le due esponenti dem - che emergono alle condizioni estreme di non ritorno e che rilanciano fredde statistiche nazionali ormai trasformate in un bollettino di guerra. Il pensiero corre a tutte le donne che, anche mentre scriviamo, si trovano ad affrontare da sole situazioni difficili. Dobbiamo fare di più anche a livello locale per contrastare violenza sulle donne e femminicidio e anche l'indifferenza che spesso accompagna queste notizie. Le donne in prima persona devono tornare a fare rete e coordinarsi affinché sia la politica che le istituzioni affrontino in modo adeguato questa emergenza. Lanciamo un appello alle amministratrici, alle donne impegnate nelle associazioni, nel mondo del volontariato, nel mondo del lavoro dell'impresa e della politica affinché si ritrovi la necessaria unità di intenti in proposito».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Su questa tragica vicenda familiare è intervenuta anche la deputata e vicesegreteria nazionale del Pd Paola De Micheli. «Damia era una gran lavoratrice – ha scritto De Micheli - era emigrata dal Marocco in Italia nel 2001 e reggeva da sola le sorti della sua famiglia. Madre di tre figli, è stata trovata uccisa nella sua casa di Borgonovo, in provincia di Piacenza. Il marito è il principale indiziato del femminicidio. Non possiamo tacere sull'ennesimo caso di donna assassinata tra le mura domestiche. Tutti - uomini e donne - siamo chiamati a reagire, a manifestare tutto il nostro sdegno di fronte ad ogni episodio di violenza di genere. I miei complimenti ai carabinieri e alle forze dell'ordine per aver individuato il marito e per aver messo al sicuro i bambini. Tutta la mia vicinanza alla famiglia di Damia».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Come non sporcare la mascherina con il trucco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento