Volontariato, Don Mazzi in Provincia: «Più umanità e meno burocrazia»

Il volontario paragonato al "buon samaritano" nell'intervento di Don Mazzi in Provincia, che critica alcuni aspetti del volontariato di oggi. Il fondatore di Exodus esprime la necessità di un ritorno alle origini: più umanità e meno burocrazia

Un'immagine di Don Mazzi durante il suo intervento

L'intervento di Don Antonio Mazzi durante il convegno in Provincia sul tema della solidarietà e del ruolo delle forme di cittadinanza attiva, in programma mercoledì 14 settembre, si è aperto con una versione "moderna", ma non certo meno drammatica, della famosa parabola del Buon Samaritano: “Sulla strada da Gerusalemme a Gerico, qualcuno incrocia un tossico mezzo morto. Il monsignore sbarra il Tempio, il politico pensa ad una nuova legge, un portaborse telefona alla stampa… Qualcun altro passa di lì e lo riconosce: era Cesare, 16 volte in comunità, 16 volte ricaduto e 16 volte salvato. Questa era la diciassettesima…”. Il volontario come il Buon Samaritano, quindi, come colui che presta ascolto e che sorregge, una volta e una volta ancora, senza mai stancarsi, senza mai giudicare, e riconoscendo sempre, in chi è prostrato a terra, il proprio simile. Ma è davvero sempre così?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' con grande decisione che Don Antonio Mazzi lamenta il fatto che il volontariato è oggi subissato da troppi impegni di carattere burocratico, dalla ricerca di fondi, dalla necessità di organizzarsi e strutturarsi, tutte finalità importanti, ma che a volte distolgono l'attenzione dall'obiettivo primario del volontariato, che è l'aiuto immediato e incondizionato nei confronti di chi si trova in una situazione di bisogno. “Dobbiamo tornare a chiederci quale uomo e quale umanità vogliamo – dichiara don Mazzi - dobbiamo fermarci davanti all'uomo e ascoltare i bisogni più autentici, riscoprire cosa c'è di vivo in quell'uomo mezzo morto che troviamo sulla nostra strada, un uomo che non necessita soltanto di un ricovero o di cibo”.
Con l'abituale veeemenza, da cui traspare l'esperienza di tutta una vita trascorsa con grande amore e dedizione a fianco degli emarginati, dei reietti della società, Don Mazzi  ammonisce il volontariato di oggi: "Basta costruire strutture, non facciamoci soffocare dalle organizzazioni, ma riscopriamo il valore autentico dell'uomo, della sua umanità”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Ha una relazione con l'allieva, lei lo perseguita e lui la denuncia per stalking

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento