menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Donini: «Un mese di abbonamento gratuito per i pendolari»

Dopo le critiche delle ultime settimane al servizio ecco il rimborso: costerà 2,5 milioni di euro. L’assessore regionale ai trasporti: «Pagheremo con gli introiti delle penali di Trenitalia»

Un mese di abbonamento gratis, a titolo di risarcimento, per i pendolari emiliano-romagnoli. Ancora una volta (era infatti già successo nel 2013, nel 2012, nel 2010 e nel 2008) la Regione decide di rimborsare i passeggeri per i disservizi della rete ferroviaria. L'assessore ai Trasporti Raffaele Donini definisce il provvedimento "un atto dovuto", specificando che la misura "dovrebbe costare circa due milioni e 500.000 euro, che saranno coperti con gli introiti delle penali pagate da Trenitalia e Tper per i disservizi degli ultimi due anni". Stando a quanto afferma la direzione generale delle reti infrastrutturali della Regione, il mese di abbonamento gratuito sarà probabilmente febbraio o marzo 2016.

Lo sbarco in Borsa dell'aeroporto Marconi di Bologna permetterà alla Regione Emilia-Romagna di cominciare a rinnovare in anticipo il proprio parco treni. Infatti, degli otto milioni di euro di introiti prodotti dalle azioni dell'aeroporto di Bologna, 5.100.000 euro saranno investiti, annuncia in conferenza stampa l'assessore regionale ai Trasporti Raffaele Donini, per l'acquisto di cinque carrozze bipiano Vivalto, di cui una semipilota e quattro rimorchiate.

Anche se la "gara del ferro" che ha consegnato la gestione della rete ferroviaria regionale a Trenitalia e Tper prevede che il rinnovo della flotta scatti nel 2018, Donini spiega che «si è reso necessario partire in anticipo sui piani, perché i mezzi attualmente a disposizione sono molto vecchi e i disservizi sono all'ordine del giorno». Il rinnovo anticipato non si fermerà al nuovo Vivalto, che dovrebbe essere a disposizione entro 12 mesi: la Regione prevede infatti di "acquistare sette elettrotreni Stadler, le 'ammiraglie' della flotta, di cui uno entrerà in servizio tra ottobre e novembre e gli altri sei, al ritmo di uno al mese, a partire da gennaio 2016". Altri sei Stadler, non compresi nel piano di rinnovo del parco mezzi, cominceranno a girare tra la fine del 2016 e l'inizio del 2017. In totale, sui 75 treni nuovi previsti a partire dal 2018 "bisogna dunque sottrarne sette, il Vivalto e i sei Stadler, il che significa che il 10% della flotta, equivalente a 4-5.000 posti a sedere, sarà rinnovato in anticipo". Il valore totale dell'operazione è di circa 90 milioni: di questi, precisa Donini, "la Regione ne anticiperà 12, i cinque delle azioni del Marconi più altri sette pagati con ammortamenti e interessi nel triennio 2016-2018". I 2,9 milioni rimanenti dalla vendita delle azioni del Marconi, conclude l'assessore, "saranno invece messi a bilancio".

(Agenzia Dire)

LA REGIONE EMILIA ROMAGNA ACCOGLIE LE RICHIESTE DEGLI UTENTI: PRESTO UN MESE GRATUITO PER GLI ABBONATI E TRENI NUOVI DA SUBITO

"Dopo la valanga di proteste per i disagi - scrive in una nota il Crufer- i ritardi e le soppressioni nel trasporto ferroviario legati alle ondate di calore degli ultimi 15 giorni, la Regione Emilia Romagna sembra aver deciso di far proprie le ragioni degli utenti e passare al contrattacco con misure concrete. Nei prossimi mesi la Regione riconoscerà agli utenti un “mese gratuito” a parziale copertura dei disagi subiti da inizio 2014 ad oggi, come ad esempio i gravi disagi per la nevicata di inizio febbraio, oltre a quest'ultima vicenda delle “carrozze roventi”. Un provvedimento di cui verranno definiti i dettagli con un confronto tra la stessa regione e il CRUFER.Ulteriore cambio di passo annunciato dalla Regione per l'acquisto di nuovi elettrotreni anticipando i tempi previsti dalla gara e le risposte alle necessità del servizio e le attese degli utenti. La Regione prevede l'arrivo entro 12 mesi di un convoglio bipiano Vivalto e di 7 ETR350 Stadler già a partire dal prossimo ottobre. Ulteriori 6 Stadler verranno messi in servizio dalla fine del 2016, per una spesa complessiva prevista di 90 milioni di euro. Il CRUFER esprime la propria soddisfazione per le scelte messe in campo dalla Regione Emilia Romagna ed auspica che gli impegni annunciati e le scadenze indicate vengano rispettate per la soluzione delle principali emergenze denunciate da anni dagli utenti del trasporto ferroviario regionale. il CRUFER auspica che le imprese ferroviarie sappiano cogliere l'occasione per un fattivo miglioramento delle condizioni del trasporto regionale, con un contributo concreto e proporzionale di Trenitalia e Tper.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento