Cronaca

Donna trovata morta in Nure, «Serve un'unica centrale operativa che risponda al 112»

Il Nuovo Sindacato Carabinieri appoggia la Cgil in merito alle difficoltà di coordinamento nei soccorsi dopo il drammatico caso di Fossadello: «Basta con l’inutile e autoreferenziale competizione tra corpi»

In seguito alla recente notizia della scomparsa di una donna, la 67enne Elda Bonola, poi trovata deceduta nel greto del Nure a Fossadello di Caorso, a due passi dalla città, il coordinamento provinciale Vigili del fuoco- Cgil funzione pubblica ha inviato una lettera al Prefetto di Piacenza e ai propri dirigenti nella quale, dopo avere richiamato le elevate capacità operative, la professionalità e l’alta specializzazione del Corpo nei diversi aspetti del soccorso, ha lamentato che la mancanza di un protocollo provinciale sugli interventi sia stata la probabile causa del loro coinvolgimento tardivo nelle ricerche della donna.

«La successiva pubblicazione della lettera – interviene ora anche il segretario provinciale del Nuovo Sindacato Carabinieri, Andrea Becchio - mi ha spinto a chiedere un incontro al coordinatore provinciale dei Vigili del fuoco Giovanni Molinaroli, che ho incontrato nella giornata del 18 maggio. Come segretario ho manifestato la piena condivisione del contenuto del loro comunicato, i Vigili del fuoco sono una componente fondamentale dei servizi di emergenza e la loro professionalità è indiscutibile. La definizione di un protocollo provinciale circa gli interventi di soccorso nell’emergenza-urgenza è sicuramente necessaria ma, a mio parere, è il momento di fare un passo ulteriore. Le componenti della filiera del soccorso operano normalmente sul territorio in assenza di reale coordinamento. Ogni diversa forza di polizia e i Vigili del fuoco sono gestiti direttamente da una propria centrale operativa, mentre il 118 dal 2014 risponde alla centrale operativa Emilia ovest che ha sede a Parma e competenza su tre province (Piacenza, Parma e Reggio Emilia)».

«L’attivazione di una di queste non implica perciò automaticamente che anche tutte le altre (ciascuna in base alle proprie professionalità) siano allertate nello stesso momento in un’ottica di coordinazione. Le centrali possono poi comunicare tra loro e, a loro volta, indirizzare le comunicazioni alle rispettive unità che intervengono nel soccorso. Questo stato di cose contribuisce a rallentare notevolmente e a ridurre inevitabilmente l’efficacia degli interventi di emergenza (in svariate occasioni sono i minuti a fare la differenza della buona riuscita e gestione di un evento) poiché le unità di enti diversi che agiscono per la medesima emergenza, spesso in tempi e modi differenti, non possono comunicare tra loro sul campo se non attraverso le rispettive centrali operative».

«Qualora poi venga attivata la protezione civile, componente che ha sempre fornito un importante contribuito in occasione delle emergenze, questa non può essere impiegata al massimo del suo potenziale fino all’insediamento di un punto di coordinamento anche sul luogo dell’evento. La costituzione di una sola centrale operativa che risponda al numero unico europeo 112, competente a livello provinciale e che veda riunite in una medesima struttura gli operatori di tutte le forze che concorrono ai soccorsi e al controllo del territorio (vigili del fuoco, soccorso sanitario, polizia, carabinieri, carabinieri forestali, guardia di finanza, polizie locali e, all’occorrenza, protezione civile), è una scelta che a mio parere non è più procrastinabile. La possibilità di gestire una richiesta di soccorso contemporaneamente da parte di tutte le componenti necessarie è un’esigenza concreta e improrogabile».

«Non è più tempo per i diversi attori che si occupano di soccorso pubblico di pensare soltanto al proprio interesse in un’inutile logica competitiva e autoreferenziale. Non è più tempo di far pagare ai cittadini l’inefficienza del coordinamento e quindi la mancata sinergia che compromette inevitabilmente il risultato finale. Tutti i corpi formati e chiamati ad agire nella gestione di ogni emergenza hanno un’elevata professionalità che però può esprimersi al meglio solo se gestita da un’unica centrale operativa interforze permanente con competenza a livello provinciale».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donna trovata morta in Nure, «Serve un'unica centrale operativa che risponda al 112»

IlPiacenza è in caricamento