Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca

Il dna conferma che il corpo ritrovato in Po è di Stefano Barilli

L'esame genetico ha stabilito che il cadavere rinvenuto sabato 17 aprile è del giovane scomparso da Piacenza

(repertorio)

Dopo il riconoscimento, il dna conferma che il corpo rinvenuto nelle acque del Po è di Stefano Barilli. L'esame genetico, disposto dalla Procura di Lodi, ha stabilito con certezza l'identità del cadavere, confermando che si tratta del 22enne scomparso dalla propria abitazione di Piacenza il 7 febbraio scorso. Il tragico ritrovamento era avvenuto sabato 17 aprile sulla sponda lombarda del fiume, nel comune di Caselle Landi. Per il cadavere - che indosso aveva i documenti di Barilli - il magistrato aveva disposto l'autopsia, eseguita martedì 20 aprile all'Istituto di medicina legale di Pavia.  Accertamenti i cui esiti sono risultati compatibili con l'ipotesi del gesto estremo. Contestualmente la madre del giovane piacentino si era resa disponibile a vedere il corpo, riconoscendo dei tratti distintivi del figlio. Identità ora confermata definitivamente dal test del dna. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il dna conferma che il corpo ritrovato in Po è di Stefano Barilli

IlPiacenza è in caricamento