Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca

Dopo le minacce e le botte rientra e trova il suo ex nel letto. Stalker in manette

Fine di un incubo per una 28enne. Romeno bloccato dai carabinieri del Nucleo radiomobile: era stato espulso dall'Italia ma era rientrato irregolarmente

È in carcere con l'accusa di stalking dopo aver minacciato di morte la sua ex, dopo esserle entrato in casa e dopo mesi di persecuzioni. 
Nei guai è finito un 28enne romeno, pregiudicato per furto e già espulso dall'Italia, che è rientrato irregolarmente nei mesi scorsi nel nostro Paese, poco dopo essere stato scarcerato. 
A salvare la sua ex ragazza, una ucraina di 28 anni, sono stati i carabinieri del Nucleo radiomobile l'altra mattina. La sera prima l'uomo l'aveva seguita in centro fino a quando l'ha bloccata e l'ha minacciata di morte: lei spaventata era corsa dai carabinieri e lo aveva denunciato. 

La notte, per paura, l'aveva passata a casa di una amica. La mattina, quando è rientrata, se lo è trovato nel letto: l'aspettava. Era riuscito ad entrare passando da un balcone e poi aveva forzato la finestra. La 28enne ha chiamato il 112 che in pochi secondi era da lei: è stato bloccato e portato in caserma. Qui i carabinieri hanno poi scoperto che su di lui pendeva un ordine di allontanamento, intanto la giovane, disperata e tra le lacrime, ha raccontato i mesi di inferno. Quando lei lo aveva lasciato lui aveva cominciato a perseguitarla: telefonate, messaggi, minacce, pedinamenti e anche botte. Ricostruito tutto il quadro della vicenda, il pm Matteo Centini ha disposto l'arresto. Ora si trova in carcere alle Novate.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo le minacce e le botte rientra e trova il suo ex nel letto. Stalker in manette

IlPiacenza è in caricamento