Dopo una settimana di lavoro in Amazon ruba in magazzino, viene arrestato e chiede scusa

Un 33enne, originario del Pavese, è stato arrestato dai carabinieri il 19 ottobre all’uscita dal magazzino di Amazon di Castelsangiovanni. Il bottino ammonta a circa 250 euro ed è composto di cd, abbigliamento intimo, magliette e altri oggetti

La merce rubata

Era al lavoro da una settimana. Ma il suo posto potrebbe svanire presto, perché è stato arrestato per tentato furto aggravato proprio sul luogo di lavoro. Un 33enne, originario del Pavese, è stato arrestato il 19 ottobre all’uscita dal magazzino di Amazon di Castelsangiovanni. Il bottino ammonta a circa 250 euro ed è composto di cd, abbigliamento intimo, magliette. L’uomo è tornato in libertà e il processo è stato rinviato. Il 33enne, che risulta incensurato, ha spiegato al giudice Gianandrea Bussi la propria versione dei fatti e ha chiesto scusa pe lil gesto. Il pm Giulio Massara non ha chiesto misure cautelari e il suo avvocato difensore, Giovanflora Marifoglu, ha chiesto la remissione in libertà. Il 33enne è in cura al Sert di Pavia da alcuni anni. Appena uscito dai tornelli, verso le 14.30, è scattato il metal detector ed è intervenuto il personale addetto alla sicurezza. Indosso, l’uomo aveva indossato tre t-shirt, mentre nelle tasche diversi flaconi di integratori alimentari. Sono stati chiamati i carabinieri di Castelsangiovanni che hanno così perquisito anche il suo armadietto: in uno zaino, i militari hanno trovato cd e abbigliamento intimo. Tutta la merce era senza la confezione e senza etichette.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Il divieto di spostamento tra comuni non piace a nessuno: «Così non potranno vedersi genitori e figli»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento