menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Droga, si inizia da giovanissimi. Al via il progetto pilota per la prevenzione nelle scuole

E' tempo di agire. L'associazione La Ricerca, polizia, carabinieri e la Croce Rossa insieme per i giovani e giovanissimi per contrastare l'uso e l'abuso di droghe. Già alle scuole medie qualcuno comincia a venire in contatto con il mondo degli stupefacenti. Presentato alla sede de La Ricerca sullo Stradone Farnese il progetto che vede unirsi le forze dell'ordine, la Croce Rossa e i volontari dell'associazione che da anni si occupa di cura e prevenzione delle dipendenze e collabora stabilmente con Istituti scolastici ed istituzioni nella realizzazione di progetti ed interventi psico-educativi per giovani assuntori.

Al tavolo il presidente Gianluigi Rubini, il questore Salvatore Arena e il comandante provinciale dell'Arma il colonnello Corrado Scattaretico e il presidente della Croce Rossa, Alessandro Guidotti. La proposta formativa nasce all’interno di un tavolo di lavoro costituito per rinforzare la rete territoriale dei soggetti che, a vario titolo, si occupano di prevenzione e informazione ai giovani, sui temi delle sostanze stupefacenti. L’impegno e le conoscenze dei diversi attori, hanno evidenziato la necessità di migliorare la capacità relazionale degli adulti nei confronti degli adolescenti, al fine di  ridurre il gap comunicativo che l’avvento delle nuove tecnologie, ha inevitabilmente messo in evidenza. Parallelamente a questo dato, non è possibile ignorare come l’utilizzo di sostanze stupefacenti sia diffuso e “sdoganato” nella popolazione giovanile e come l’utilizzo avvenga in modo sempre più precoce. Per questi motivi, affinché le azioni di prevenzione e contrasto all’abuso, alle dipendenze e ai rischi connessi possano essere efficaci, diventa rilevante che gli operatori della rete sappiano coinvolgere i giovani attraverso strumenti e linguaggi appartenenti ai nuovi adolescenti (i cosiddetti “nativi digitali”). Saranno coinvolte nel progetto pilota tre quattro classi delle scuole medie di Cortemaggiore e Dante Alighieri di Piacenza. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento